i’m Watch con Android. Successo annunciato?

E allora eccoci qua. Io credo che si stia avvicinando il momento di una svolta.
Tra poco più di sei giorni verrà presentato uno degli smartwatch più attesi e che in rete, considerato il numero di siti che ne parlano, sta creando una certa aspettativa: i’m watch.
Non scendiamo nei dettagli tecnici e parliamo un attimo della filosofia che c’è alla base. Abbandonata (pare) la scelta phone watch (o orologiofonini) si percorre un’altra strada. Via il modulo telefonico con sim, antenne GSM e sistema operativo proprietario e avanti con interfaccia con smartphone (tutti eh…RIM, Android, iPhone…), applicazioni dedicate per la gestione, WiFi e bluetooth. Cambia, come è evidente, la concezione e l’approccio.
Orologi più leggeri, sottili, portatili e qualitativamente, a livello hardware, migliori.
Ma il focus non è su questo ma sul sistema che li muove e li fa operare: Android.
Come molti non sanno il sistema operativo mobile di Google è montato su una gamma di dispositivi ormai davvero ampia. Non solo smartphone ma autoradio, radio sveglie, TV, sistemi per auto, E allora perchè non su un orologio??
E’ stata creata una distribuzione (ricordo che Android è a base Linux) molto leggera e poco assetata di hardware ma che mantiene le caratteristiche vincenti del sistema del robottino verde: velocità, personalizzazione e flessibilità.
A questo punto gli attori in campo sono due (al momento): i’m Watch e WIMM One.
Ecco, qui finiscono le similitudini e iniziano le differenze.
Sottolineo subito il fatto che entrambi i modelli sono prossimi alla vendita, anche se per il WIMM One non si conosce ancora una data precisa.
Le differenze, dicevo. In rete c’è molto materiale che riguarda il progetto WIMM Labs (che ha creato il dispositivo) con addirittura una review completa, di una versione beta naturalmente. Poi altri brevi filmati (qui e qui) mostrano alcune delle caratteristiche e delle funzionalità del WIMM One. Oltretutto questo smartwatch colpisce molto.
Dall’altra parte abbiamo un’azienda italiana, Blue Sky s.r.l., che annuncia uno smartwatch, im’m Watch, e ne comunica la data di presentazione, tra 6 giorni appunto. Sul sito si può accedere anche al preordine, per il quale stranamente è richiesto il 50% dell’intero costo del terminale. Peccato che i’m Watch nessuno lo abbia visto da nessuna parte e che, vi assicuro, nulla è reperibile in rete.
Ci sono si molte immagini ma sono tutte elaborazioni grafiche fatte al computer, non foto reali.
Ho contattato più volte Blue Sky per avere materiale da poter pubblicare perchè comunque nel nostro piccolo siamo visitati da migliaia di persone ma…..nulla, nessuna risposta, nemmeno negativa.
Comunque concedo il beneficio del dubbio e rimango anche io in paziente attesa per vedere se i’m Watch davvero sarà come lo splendido rendering che ci hanno proposto o sarà un terribile pataccone inguardabile!
C’è di vero che i tempi sono maturi per la nascita di questi nuovi smart watch che hanno fatto trovare una nuova casa al sistema operativo per dispositivi mobili più in forma del momento. Stiamo a vedere che accade….

Vota questo post
i’m Watch con Android. Successo annunciato? ultima modifica: 2011-10-17T23:19:36+00:00 da Stefano Ratto

2 Responses to i’m Watch con Android. Successo annunciato?

  1. […] titolo di quella categoria di smartwatch che già conta Sonyericsson, Fossil, Inpulse, WIMM, e i’m watch (quest’ultimo con molti dubbi). Dicevo il Velocity dunque….il sito engadget.com ne […]

  2. […] con l’annunciatissima presentazione da parte di Blu Sky s.r.l. (società tutta italiana) di i’m Watch, che afferma di essere (sulla carta) il primo vero smartwatch del mondo. A questo proposito vi […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -