MetaWatch espande le sue possibilità e diventa social

MetaWatch è un progetto del quale ho parlato già alcune volte. Fa parte a pieno titolo della famiglia degli smartwatch in quanto le sua possibilità sono davvero ampie e consente l’interfaccia con tutti i moderni dispositivi, in primis Android.
Ho notato che sul social di BigG, Google+, è attiva una community davvero ampia che si scambia impressioni e aggiornamenti sullo stato dei lavori di questo ottimo smart watch.
A breve distanza dal suo effettivo lancio è possibile adesso trovarlo sullo store di Texas Instruments al costo di 199$, per cui si pone su una soglia leggermente più bassa sia rispetto a i’m Watch sia rispetto al WIMM One (comunque riservato agli sviluppatori).
Ha in ogni caso caratteristiche leggermente diverse, considerato che il display, per esempio, non è a colori.
E’ comunque davvero molto valido sotto l’aspetto della durata della batteria, del peso ridotto e della flessibilità. Infatti questo MetaWatch si presta molto ad essere personalizzato, anche se il suo approccio non è da utente “della strada”, ma richiede qualche conoscenza più approfondita nell’ambito framework di Android.
La comunità che si sta creando su Google+ è davvero un valido supporto e lanciando questa target=”_blank”>semplice ricerca è possibile rendersene conto.
Ci sono alcuni sviluppatori che hanno lavorato sull’interfaccia modificando le informazioni riportate sul display e il loro aspetto grafico, come +Chris Boyle (studente a Cambridge) oppure +Bill Geiser che lavora direttamente al progetto MetaWatch.
Ecco una scheda con le caratteristiche di questo smartwatch:

  • An easy-to-use Bluetooth enabled wearable development system
  • Fully-tooled; production-ready modules with FCC, CE certification
  • Stainless steel case
  • Leather strap
  • Water-resistant (3 ATM)
  • Mineral crystal lens
  • Vibrating motor
  • Three-axis accelerometer
  • Ambient light sensor
  • 96×96 Dot Matrix Display – Highly Reflective; easily read in direct sunlight
  • 6 Buttons
  • Includes programming /charging clip & USB cable
  • Ability to easily program through external clip & cable; no need to open watch
  • Supports open source projects that support both CCS (Code Composer Studio) and IAR tool chains
Vota questo post
MetaWatch espande le sue possibilità e diventa social ultima modifica: 2011-12-12T15:44:11+00:00 da Stefano Ratto

3 Responses to MetaWatch espande le sue possibilità e diventa social

  1. […] al CES2012, per il quale ho già dato notizia. Poi ci sono WIMM Labs con il suo One, Inpulse, MetaWatch. Tutto questo è avvenuto nella seconda metà del 2011 e subito alla partenza del 2012 sono attese […]

  2. […] smartwatch MetaWatch, del quale ho parlato in passato, è una delle più valide alternative per accedere al mondo smartwatch ed avere un pacchetto di […]

  3. […] una garanzia visto che i suoi creatori non sono nuovi in questo mercato ultra tecnologico ma hanno gia’ creato smartwatch di questo […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -