Lo smartwatch Cookoo inizia il suo viaggio

Cookoo è un progetto dannatamente interessante e interpreta la filosofia propria degli smartwatches con un’ ottica decisamente interessante.
Innanzitutto l’interfaccia dell’orologio si discosta nettamente da tutti gli altri per la mancanza di un vero e proprio display grafico che visualizzi le informazioni. Una serie di icone sul fondo dell’orologio infatti adempiono a questo scopo e mostrano lo stato delle notifiche che ci possono interessare, che vanno dal semplice stato di connessione dell’orologio (ricordo sempre via bluetooth) alla chiamate non risposte, passando per mail, messaggi, social.
Certo l’approccio è davvero minimale e stringato e a molti potrà apparire poco utile. Invece secondo me potrà attirare i tanti che amano l’orologio come oggetto classico ma che non vorrebbero rinunciare alla comodità di uno smartwatch e delle informazioni che ci sa dare. Oltretutto Cookoo nella sua semplicità è anche esteticamente molto gradevole, dato che verrà proposto in diverse colorazioni.
Altra caratteristica, fondamentale per i più, è che Cookoo non deve essere ricaricato. Questo elemento davvero fa segnare un grande punto a vantaggio di questo modello perchè la ricarica (quella di Wimm One per esempio è necessariamente giornaliera) è davvero mal vista da chi intende acquistare uno smartwatch, considerato che lo smartphone già ha necessità di essere caricato ogni giorno.
Pebble in questo senso aveva già compiuto significativi passi avanti avendo bisogno solo di una carica alla settimana.
Ma torniamo all’allegro e giovane Cookoo.


La sua raccolta fondi (sempre su Kickstarter naturalmente) si è conclusa con un successo notevole, fermandosi poco oltre ai 300K$. Questo consentirà ai suoi progettisti e ideatori di aumentare la resistenza all’acqua (da 3 a 5 atmosfere) e integrare (come da loro ultima comunicazione) i comandi per il controllo multimedia, per cui i classici avanti/indietro stop play. Funzione richiestissima dal popolo degli utilizzatori di smartphone che vivono perennemente con gli auricolari infilati nelle orecchie!
Insomma, quello che è certo che ormai anche Cookoo ha intrapreso il suo lungo percorso verso lo sviluppo e la successiva distribuzione, e chissà se qualcuno in Italia ha pensato bene di diventare backer di questo progetto…..chissà perchè mi pare già di conoscere la risposta….

Vota questo post
Lo smartwatch Cookoo inizia il suo viaggio ultima modifica: 2012-07-09T12:48:15+00:00 da Stefano Ratto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -