Sony SmartWatch, il segreto del suo successo

Da quando ha debuttato, Sony SmartWatch e’ diventato il riferimento principale di questa particolare nicchia di mercato.
Il perche’ lo si puo’ capire osservando quanto interesse si e’ sviluppato intorno al piccolo device da polso di casa Sony. Ma l’elemento principale che ne sta decretando il successo e’ sicuramente rappresentato dal grande numero di applicazioni che sono al momento proposte su Google Play, lo store ufficiale di Android.
I widget (come si definiscono le piccole applicazioni installate sul Sony SmartWatch) sono davvero tanti e coprono davvero un ventaglio di utilizzi incredibile. Sfruttando l’hardware dello smartphone al quale e’ collegato l’orologio, e’ possibile avere informazioni da tutti i sensori a disposizione e la possibilita’ di inoltrare all’orologio tutte le notifiche da qualsiasi applicazione provengano.
Non solo questo, ma alcune app specifiche (GMail,K9 Mail,Maps e tante altre) consentono di controllare la relativa app sullo smartphone. Nella recensione che ho pubblicato tempo fa, frutto del lavoro di Francesco, erano stati approfondite le modalita’ di installazione e di controllo relative agli widget, potete leggere li’ i dettagli.

Quello che e’ davvero significativo e’ il fatto che, evidentemente, la disponibilita’ di applicazioni e’ la ragione principale di questa affermazione ed e’ un po’ il segreto di Pulcinella. Facile proporlo, un po’ meno realizzare un simile obiettivo. Sony ci riesce logicamente perche’ ha una struttura che gli permette di farlo, ma la difficolta’ di chi si avventura in questo ambito e’ proprio quello di dover far tutto da zero.

Non ci sono standard, non ci sono piattaforme da condividere ma ognuno per se. Immaginiamo percio’ quante e quali difficolta’ hanno dovuto e devono affrontare i vari Wimm, i’m Watch, Pebble. Non solo la creazione dell’oggetto hardware ma anche tutta la parte software da inventare, sviluppare,testare, diffondere. Un inferno!

Sony da questo punto di vista si e’ portata molto avanti, anche perche’ per distribuire i widget ha scelto l’avviatissimo Google Play, lo store on line dei dispositivi Android. Per quanto personalmente non ritengo che sia il miglior smartwatch, e’ sicuramente quello che al momento offre di piu’, soprattutto a un prezzo aggressivo. Chi riuscira’ a sviluppare i contenuti giusti e a coinvolgere un’ampia community di developer avra’ vinto la sfida. Al momento il dominio del piccolo Sony pare essere incontrastato, chi riuscira’ a scalzarlo dal suo trono?

Di seguito vi segnalo una serie di app tra le piu’ significative, dedicate al Sony SmartWatch


logo-app
App Name
Manù
Free   
pulsante-google-play-store
pulsante-appbrain
qrcode-app



logo-app
App Name
Endomondo.com
Free   
pulsante-google-play-store
pulsante-appbrain
qrcode-app



logo-app
App Name
Developer
Free   
pulsante-google-play-store
pulsante-appbrain
qrcode-app



logo-app
App Name
BFrontier
Free   
pulsante-google-play-store
pulsante-appbrain
qrcode-app

Vota questo post
Sony SmartWatch, il segreto del suo successo ultima modifica: 2012-10-07T19:02:08+00:00 da Stefano Ratto

One Response to Sony SmartWatch, il segreto del suo successo

  1. […] futura offerta degli operatori del settore che vanno nel solco già scavato da Sony con il suo SmartWatch. La stessa interfaccia mi pare molto innovativa e cerca di andare oltre la visualizzazione ad icone […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -