Lo smartwatch Pebble alla fase finale, ecco il box

Nel suo completo e consueto report sulle attività del suo team, Eric ci mostra questa volta il box con il quale sarà inviato Pebble presso tutte le abitazioni di quelli che gli hanno dato fiducia nella fase di crowdfunding su kickstarter.com

Le attività ormai stanno arrivando alla soglia della tanto agognata produzione di massa che dovrà sfornare almeno 15.000 pezzi dalla catena di montaggio. Impresa davvero non facile e, come abbiamo avuto modo di vedere in questi mesi, piuttosto impegnativa. Il dover produrre un così alto numero di esemplari ha necessariamente obbligato i ragazzi di Pebble ad accedere a una tipologia di produzione radicalmente diversa, fatta di lunghi test, sviluppi, scelta dei fornitori. Ogni passaggio è stato delicato e davvero la cura del particolare unita alla innegabile serietà di questo gruppo è servita da garanzia.

Sono sicuro, avendo seguito tutta la fase con particolare attenzione, che Pebble sarà un prodotto eccezionalmente curato! Torniamo un attimo alla notizia principale che è rappresentata appunto dal box di vendita definitivo che è stato studiato appositamente per resistere alla inevitabili sollecitazioni di una spedizione mista (aereo, camion, mezzi di diverso genere). Mesi fa era stato effettuato un test di spedizione che ha interessato tutti e 113 i paesi verso i quali Pebble è destinato. oggi Eric si segnala che il test ha avuto esiti più che positivi per cui non si aspettano sorprese, da questo punto di vista. Il box visto nelle immagini ha una forma rettangolare e Pebble è collocato al suo interno totalmente coricato e con il cinturino disteso. Sul fondo sono alloggiati il cavo e il caricabatteria e il disegno del “guscio” di plastica dovrebbe vestire l’orologio in maniera abbastanza solida, tanto da con consentirgli di muoversi.  Eric si comunica che tutti i test di assemblaggio con i componenti in plastica sono conclusi e che è stato svolto un ottimo lavoro, a questo proposito allega alla scheda dell’ update (che potete vedere interamente qui) anche un video del macchinario che esegue la procedura di incollaggio (o incollamento??) del vetro del display sulla cassa.

A questo punto la tabella di marcia procede con le prossime due settimane di test e verifica Design (DV),  a Dicembre poi verrà eseguita una produzione di verifica (PV) per arrivare poi alla produzione di massa (MP), che appunto consentirà di sfornare 15.000 Pebble alla settimana. Purtroppo non potremo mettere l’orologio sotto l’albero di Natale, ma comunque la fase finale è ormai stata aggredita…speriamo solo che non sopraggiungano ritardi ulteriori. Sinceramente sono molto curioso di vedere da vicino Pebble e soprattutto di utilizzarlo!

A presto per altre novità :-)

Vota questo post
Lo smartwatch Pebble alla fase finale, ecco il box ultima modifica: 2012-11-12T15:12:54+00:00 da Stefano Ratto

2 Responses to Lo smartwatch Pebble alla fase finale, ecco il box

  1. […] un piccolo display touch. Attenzione perchè una scelta simile è stata effettivamente percorsa da Pebble, che anzi non ha un display a sfioramento ma solo tasti hardware. Il problema è infatti (e […]

  2. […] Proprio a causa di questa clamorosa affermazione ha subito un ritardo che potrebbe superare i 6 mesi. Ormai a’ alla fine del suo lungo percorso e sta per essere avviata la fase di produzione di massa. Le sue caratteristiche vincenti sono tante. L’adozione di un particolare display  derivato da quelli usati sugli ebook reader gli consente di portare a 7 giorni la sua autonomia, di non spegnersi mai e di avere una grande leggibilita’ anche sotto la luce diretta del sole. Oltre a questo e’ resistente all’acqua, vanta la piena compatibilita’ con Android e iOS di Apple e promette un grande sviluppo con tante applicazioni diverse. Potete leggere alcuni approfondimenti direttamente da questo sito qui e qui. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -