Philips Fluid Smartwatch, futuro flessibile

La progettazione non si ferma mai e quelli che possiamo definire come i futuri devices che metteremo al polso sembra che si stiano uniformando a uno standard di assoluta flessibilità.

Non solo dal punto di vista dei sistemi operativi ma più a livello hardware. La prossima uscita sui mercati di tutto il mondo dei già conosciuti display flessibili rivoluzionerà l’approccio dei produttori a questo genere di tecnologia che offre indubbi vantaggi. Ne è la prova questo interessantissimo concept marchiato Philips (ma l’azienda olandese non è coinvolta a nessun livello) al quale è stato dato l’azzeccato nome di Fluid Smartwatch.

Come si vede bene dalle immagini diffuse dal suo creatore, il designer Dinard da Mata, il principio è quello di avere un oggetto che quando è al polso assume le sembianze di un orologio, con tutte le comodità del caso. Quando è “slacciato” si estende per tutta la sua lunghezza e consente di avere un’interfaccia molto grande come diagonale, paragonabile come superficie a uno smartphone da 4 pollici. La tecnologia di display utilizzata è quella OLED, simile al nuovo e-paper prototipo recentemente presentato da Plastic Logic, di cui vi ho parlato giorni fa.

L’interfaccia utente è semplice ma allo stesso tempo sofisticata e accoglie tutte le funzionalità più avanzate così come è possibile trovarle su uno smartphone di ultima generazione. Nessuna rinuncia quindi rispetto a quello che oggi è la realtà degli smartwatch, legati a display troppo piccoli per poter pensare di rimpiazzare il fedele cellulare. Con devices dello stesso livello e della stessa filosofia come questo Fluid Smartwatch potremmo davvero pensare di avere tutto quello che serve al polso!

In base a quelle che sono le (poche) informazioni diffuse, si può evincere che sarà fatto per lavorare su internet grazie ai servizi social e ai clouds che ormai stanno soppiantando lo storage locale di un dispositivo. Infatti, per andare incontro alla necessità di avere uno smartwatch sottile molte rinunce dovranno essere fatte a livello di hardware (fotocamera in primis) però mantenendo una grande potenza di calcolo con CPU di ultima generazione, potrà diventare anche una postazione di gioco on line. Nelle immagini appaiono infatti i comandi  per un’ esperienza ludica in totale mobilità.

Cosa ne dite di questo concept?

Vota questo post
Philips Fluid Smartwatch, futuro flessibile ultima modifica: 2013-04-12T16:18:55+00:00 da Stefano Ratto

2 Responses to Philips Fluid Smartwatch, futuro flessibile

  1. niccolò scrive:

    Che watch phone android ci sono che costano sotto i 150€?

  2. smartwatch_ita scrive:

    Android intendi il sistema operativo dell’orologio o la compatibilità? Nel primo caso purtroppo nessuno a meno di non trovare (ne dubito) un Wimm One su ebay (e magari il prezzo sarebbe più alto). Per il resto al momento non c’è praticamente nulla.
    Rimane sempre il validissimo Sony Smartwatch che costa al momento circa 80€

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -