Ecco The Agent, lo smartwatch con carica wireless

L’incredibile vivacità del mercato smartwatch viene confermata da questo ultimo arrivato che introduce alcune importanti novità. Sto parlando dello smartwatch The Agent (o più semplicemente Agent). Direttamente dalle pagine di Kickstarter, che si conferma culla di questo nuovo fenomeno, arriva uno smartwatch che ricalca molto da vicino la filosofia di Pebble tanto da confondere la sua interfaccia principale (a partire proprio dal display) con quello del piccolo e “ricco” orologio intelligente made in USA (e che tra qualche giorno finalmente vi mostrerò in una video review).
Molto simili dunque, ma non nell’aspetto. Agent ha infatti una estetica un pò più carrozzata rispetto al minimale Pebble, un ingombro, seppur di poco, lievemente maggiore. La differenza appare più evidente guardando la sua costruzione. Gli angoli smussati gli conferiscono un aspetto da una parte più elaborato e ricercato, a parer mio un pò appesantito.
Il pubblico di Kickstarter formato dai bakers che sottoscrivono i progetti dimostra invece di gradirlo molto, considerato che a soli pochi giorni dalla partenza ha superato la ragguardevole cifra di 300.000$. Raggiunto con disarmante facilità il traguardo dei 100.000$ che erano l’obbiettivo minimo, per cui Agent vedrà sicuramente la luce.

Agent Smartwatch

 

The Agent: doppio processore e ricarica wireless

Del display ho già detto. E’ stata adottata la stessa vincente tecnologia già introdotta negli smartwatch da Pebble, cioè la matrice e-ink, a inchiostro elettronico. Questa soluzione consente consumi ridottissimi e permette una grande autonomia della batteria.
Qui veniamo alla prima grande novità che si porta dietro Agent (o meglio dentro). Un doppio processore.
La scelta viene ampiamente documentata e viene spiegato che grazie a questa soluzione l’orologio può utilizzare un processore meno potente e meno esoso in termini energetici per funzionare in modalità “sleep”, dormiente. Cioè quando non vengono utilizzate applicazioni. Per quelle interviene il secondo, un più potente ARM Cortex-M4 da 120MHz che fornirà tutta la potenza di calcolo necessaria.

Questa scelta consentirà, a detta dei progettisti, un risparmio sensibile di energia che si tradurrà in un’autonomia molto maggiore rispetto ai competitor. Questo elemento è davvero molto importante.

Agent smartwatch con ricarica wireless

La seconda grande novità è l’introduzione della ricarica wireless, per cui senza fili. Si tratta di un’innovazione davvero incredibile, considerato che sono pochi gli smartphone di ultima generazione che hanno la possibilità di utilizzare questa tecnologia. Una scelta del genere per uno smartwatch appare come l’uovo di Colombo. Per sfruttarla Agent avrà a disposizione una base di ricarica (presente nel kit da 179$) dove potrà rigenerarsi velocemente. Davvero un’altra formidabile novità!
Il resto delle specifiche recitano quanto segue:

  • 120MHz ARM Cortex-M4 processor with secondary AVR co-processor
  • 1.28″ Memory Display (128 x 128)
  • Anti-glare glass lens
  • Bluetooth 4.0 BD/EDR + LE
  • 3-axis accelerometer
  • Ambient light sensor
  • Vibration motor
  • 7 days battery life (typical)
  • 30 days in watchface-only mode
  • Qi wireless charging
  • Water resistant (ATMs: TBD)
  • AGENT OS 1.0 including .NET Micro Framework 4.3
  • RoHS, Pb-free
  • Designed for repair and recycling
  • including replaceable battery

Davvero una dote ricca. Stupiscono davvero i 30 giorni di autonomia nella modalità sleep.
Il video di presentazione ricorda molto per le situazioni quello pubblicato i primi giorni da Pebble, auguriamo a Agent smartwatch lo stesso risultato e logicamente lo integrerò subito nella lista di tutti gli smartwatch che ho pubblicato qualche giorno fa.
Non gli auguro invece di accumulare lo stesso grande ritardo di Pebble, speriamo che i progettisti abbiano previsto il grande successo che si sta annunciando e abbiano tutto pronto per cominciare il loro viaggio verso la produzione di massa.
Proprio questa è prevista per Dicembre 2013, chissà se qualcuno riuscirà a mettere questo Agent smartwatch sotto l’albero :-)

Vota questo post
Ecco The Agent, lo smartwatch con carica wireless ultima modifica: 2013-05-23T09:36:09+00:00 da Stefano Ratto

4 Responses to Ecco The Agent, lo smartwatch con carica wireless

  1. LucaS888 scrive:

    Mhhh l’aspetto sembra un po’ rozzo ma trasmette anche un senso di robustezza, tutta da verificare ovviamente.
    A parte questo l’unico pregio è la compatibilità con WP, la ricarica wireless non è una cosa che cambia la vita ma soprattutto l’apparente chiusura ad applicazioni aggiuntive è decisamente limitante.

    • smartwatch_ita scrive:

      Giuste osservazioni. Quello che c’e’ di vero comunque, e’ la vagonata di soldi che sta raccogliendo anche questo modello, segno forse che il mercato sta andando con decisione verso una direzione ormai consolidata. Ora aspettiamo al varco qualche grande nome, come Google o Apple..

  2. This will be a nice watch.

  3. […] particolare aspetto. Sostanzialmente i modelli che hanno display che non si spengono (Pebble, Agent, HOT) hanno adottato soluzioni ibride simili al classico e-ink, consentendo bassissimi consumi e […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -