Notifications: il primo “all in one” per lo smartwatch Pebble

L’ecosistema delle applicazioni per Pebble si sta formando proprio adesso, in questi giorni in cui la community sta lavorando in maniera tumultuosa per inventare e condividere. I primi risultati già si vedono e alcuni piccoli progetti hanno preso vita, hanno risolto i loro piccoli problemini di gioventù e adesso sono pronti per essere utilizzati nel quotidiano.

Uno dei progetti più interessanti è senz’altro rappresentato da Notifications, una piccola app integrata nell’applicazione Android Pebble Reminder di cui trovate il badge qui di seguito.


logo-app
App Name
Iñigo Chueca
Free   
pulsante-google-play-store
pulsante-appbrain
qrcode-app

Questa app intanto ricalca la logica anche di altre. L’applicazione principale è installata sullo smartphone, che a sua volta invia una sorta di widget (o di plugin) all’orologio. Su Pebble questa nello specifico è senz’altro la app più complessa vista fino a questo momento e ha queste funzionalità:

  • Notifications: mostra le notifiche orarie impostate sullo smartphone direttamente dentro la app Pebble Reminder
  • Settings smartphone: consente di controllare le funzioni del cellulare direttamente da Pebble. E’ possibile gestire WiFi, connessione dati, GPS, Profili volume (suono, vibra, silenzio) e alzare e abbassare il volume della suoneria stessa. In più controllare lo stato di carica della batteria dello smartphone.
  • Utils: simpatica funzione che ci consente di rintracciare il cellulare se non lo troviamo più (facendogli emettere un suono ad alto volume anche se è silenziato), in più abbiamo la funzione Set Car Location che ci consente di memorizzare le coordinate del punto in cui ci troviamo (o dove abbiamo appunto lasciato l’auto). Il pulsante successivo “Find My Car” se premuto richiama il navigatore sullo smartphone in modalità pedonale e ci guida in automatico al punto in cui abbiamo lasciato la nostra auto. Utilissimo!

Si tratta di una prima versione sicuramente ma già molto funzionale e, nemmeno a dirlo, piuttosto affidabile visto che solo una volta non è riuscita a collegarsi allo smartphone per inviare i comandi.

Nel prossimo futuro vedremo piccole app sempre più ricche dal punto di vista delle funzionalità o magari mirate per specifici utilizzi (sport, localizzazione geografica, check in e altro ancora), Pebble da questo punto di vista ha appena cominciato il suo viaggio…..

Vota questo post