Samsung Galaxy Gear, nulla sarà più come prima

Solo qualche ora fa è stato presentato al mondo lo smartwatch della casa Coreana, Galaxy Gear. Sarà solo compatibile con il grande Note III ma da adesso il tenore della competizione diventerà un altro.

Finalmente è arrivato, poche ore fa, presentato alla grande fiera europea dell’ IFA2013. Sto parlando dell’atteso Samsung  Galaxy Gear che conferma quelle che erano state le indiscrezioni emerse nei giorni scorsi anche se l’impatto che produce la versione definitiva è ben diverso da quello dei diversi concept che si sono succeduti nel corso dei mesi.
Se mi piace? Si. Non lo trovo affatto male e per quanto io prediliga i display che non si spengono non posso che ammettere che il Super AMOLED da 1,63 pollici (con una densità pari a 278 PPI!) del Galaxy Gear mi lascia a bocca aperta. Davvero molto bello quando è acceso, estremamente luminoso (vedremo la leggibilità sotto il sole) e chiarissimo grazie a un’interfaccia minimale ma estremamente accessibile. Il sistema che lo governa è quell’Android Jelly Bean che impazza un po’ ovunque, qui in una versione logicamente molto customizzata.

La fotocamera trova posto sul cinturino, posizione decisamente felice per favorire gli scatti “al volo” che comunque saranno ripresi a 4 Mpx. Sarà perciò impossibile montare un cinturino diverso dall’originale, un po’ come accade per Omate TrueSmart e Vapirius AX2 che spostano anch’essi parte dell’elettronica nel cinturino. Una soluzione che si sta affermando come trend ed è significativa in termini di riduzione di spazio della cassa dell’orologio, il suo corpo principale.

Lo spessore è allo stesso modo stupefacente anche se ancora non ho trovato il dato ufficiale pare al di sotto dei 10 mm.
Galaxy Gear sarà compatibile solo con il Samsung Galaxy Note III, il phablet gigante presentato anch’esso oggi. Sicuramente Gear si rivelerà un comodo assistente per il grande smartphone, ma mi chiedo quale sia il motivo della chiusura verso gli altri modelli e all’intero ecosistema di Android. Credo comunque che le community di sviluppatori indipendenti come quelli di XDA-developer sapranno trovare una soluzione a questo problema :-)

Non è l’unica difficoltà da superare per avere e poter godere di questo bellissimo smartwatch. Pare che Galaxy Gear verrà lanciato sul mercato americano alla fine del mese di settembre (si parla del giorno 25 come possibile data).Sarà certo possibile importarlo, ma con un generoso aggravio del prezzo alla vendita. A proposito di questo non si hanno dettagli relativi al prezzo di vendita, in questo momento si stanno rincorrendo molte voci speculative, aspettiamo di saperne di più. Potrà presumibilmente attestarsi in una fascia di prezzo tra i 249$ e i 279$.

Rimane il fatto che appare molto ben fatto e estremamente vestibile grazie anche alla forma del fondo che accompagna il polso e anche alle diverse colorazioni disponibili del cinturino. La cassa sarà invece Silver o Rose Gold, entrambe le varianti molto eleganti (e destinate evidentemente a entrambi i sessi)

Scopriremo nei dettagli Samsung Galaxy Gear appena si diffonderà in rete un po’ di materiale video, nel frattempo gustiamoci l’ottima presentazione pubblicata da Android Autority. A seguire l’anteprima dei ragazzi di Telefonino.net.

Buona visione!


Vota questo post
Samsung Galaxy Gear, nulla sarà più come prima ultima modifica: 2013-09-04T22:15:37+00:00 da Stefano Ratto

10 Responses to Samsung Galaxy Gear, nulla sarà più come prima

  1. LucaS888 scrive:

    A me ha invece fatto un’impressione decisamente più negativa.
    Trovo gradevole la scelta del “pezzo unico” cassa-cinturino, pur con i problemi in caso di rottura, ma avrei spinto molto di più sullo stile “bracciale”, questo sembra molto un vorrei ma non posso.
    La UI la trovo invece molto criticabile, al di là del minimalismo a tutti i costi, trend ormai di moda e che non mi esalta in generale, qui la scelta di usarlo in maniera fin troppo eccessiva addirittura in monocromatico è un non-sense avendo a disposizione quello schermo, va bene esaltarsi con gli sfondi neri degli amoled, ma se hai uno schermo a colori usali.
    A questo punto mille volte meglio pebble che almeno consuma poco.

    Il prezzo di 299$, street-price a parte, poi lo trovo decisamente fuori luogo, per carità l’hardware sarà superiore ai concorrenti, ma c’è anche di meglio, e il confronto con gli smartwatch sony non lo vede poi molto avvantaggiato in quanto a funzionalità.

    Certo se riuscissero a spingere molto le app potrebbe essere in grado di distinguersi, vedremo.
    I soli comandi vocali di s-voice non sono sufficienti, almeno per me che li evito con soddisfazione anche su smartphone.

    • smartwatch_ita scrive:

      Si, riguardando un po’ di materiale mi pare che il Gear sia un bell’esercizio di stile ma poco di piu’. Per ora contenuti zero (a parte le cosine viste nei video) e il fatto di essere destinato a Note III ne limitera’ tantissimo la diffusione. Paragoni con il Sony non ne farei nemmeno, il giap ha gia’ un background di applicazioni (200+) che lo completano tantissimo. Il display e d’impatto, d’accordo….ma su uno smartwatch non conta poi cosi’ tanto…

  2. markgio scrive:

    Finalmete si scopre questo Galaxy Gear!!!!
    In linea di massima non sono molto colpito, ma comunque è un oggetto che mi interessa conoscere meglio.
    Non capisco perchè mettere una fotocamera su questo dispositivo ma vabbè.
    Discutibile la scelta di avere un pezzo unico e di non poter cambiare il cinturino, ma ovviamente con la fotocamera sarebbe stato impossibile…
    l interfaccia grafica mi piace molto… sarebbe curioso di vedere come si vede sotto il sole.
    Ma la cosa INCONCEPIBILE è la batteria!!!!!!!!!
    Ragazzi stiamo parlando di un smartwatch!!!!!! io non posso stare dietro alla batteria del mio orologio.
    Già abbiamo il cellulare che mediamente una volta al giorno devi metterlo sotto carica, non ha senso aggiungere un orologio e complicare il tutto!!!!!
    Non dico di raggiungere i livelli di pebble, anche perchè gli schermi sono completamente diversi, ma almeno avere un 2 3 giorni di autonomia… come minimo!!!!
    Ma poi questa batteria dura 10 o 25 ore????? perchè se durasse veramente 10 ore io non permetterei nemmeno di metterlo in commercio!!! 😀
    Almeno sony smartwatch 2 dovrebbe durare un 4 giorni se non sbaglio… giusto???

    Ma il costo in europa/italia????Ma se uno lo prende li e se lo fa spedire qui deve pagare anche la dogana???? ovviamente questa domanda vale per pebble ecc.
    Se io decidessi di prendere pebble quanto pagherei in totale????

    Ma sto smartwatch di sono qualcuno sa qualcosa???
    Data di rilascio, prezzo ecc?????
    Quale pensate sia il migliore??? Pebble, sony o gear???(ovviamente non di batteria :D)

    • Paolo scrive:

      visto cio che ti permettono di fare…davvero poco…io prenderei il pepple per la durata della batterie ma non per la mancanza di speakers…
      del sono non so molto…ma promette bene anche come durata batteria…
      il gear ad oggi è il meno sensato: devi prima comprare un note 3 per il momento funziona solo con quello, dovrai tenere il BT attivo 24h su 24 quindi la durata della batteria del note 3 si ridurrà all’osso…
      piu leggo e mi informo e piu punto a veri watchphone per lo meno tutto al polso!
      Ax2 e/o Omate (subacqueo!)

  3. Paolo scrive:

    rientrato da poche ore da Berlino…
    è stato deludente questo Gear! mi aspettavo qualcosa di piu!!

    • smartwatch_ita scrive:

      Eri a Berlino all’IFA?? Hai visto il Gear?

      • Paolo scrive:

        Si l ho visto, a livello costruttivo è uno splendido device ben rifinito e dai materiali in classico stile samsung!
        Il limite di accoppiata col solo note3 probabilmente sarà un gap presto colmato dalla community di XDA credo.
        Ma diciamolo dai è stato un po deludente forse perchè le aspettative erano alte…display flex ad esempio…cosa che non ha…la forma sembra un classico device samsung in miniatura…non si è vista alcuna app specifica dedicata se non la UI piazzata da Samsung…
        Insomma mi ha un po deluso!

  4. […] di penetrazione del mercato e in quanto a smartwatch ha ormai detto la sua con il recentissimo Galaxy Gear. Nella stessa intervista  Chou dichiara anche che anni fa la stessa HTC ha lavorato in […]

  5. […] cavo di carica e lo speaker audio. In alcune immagini viene messo a confronto con il recentissimo Galaxy Gear apparendo di gran lunga più sottile e elegante di quest’ultimo. Non ci rimane che […]

  6. […] con differenti colorazioni. Le differenze invece sono sostanziali e di un certo peso rispetto alla prima versione dello smartwatch targato Samsung. Infatti viene abbandonato Android come SO per fare posto al […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -