Garmin Fenix, convergenza verso lo smartwatch

garmin_fenix_smartwatch_01

Ci sono orologi che sono più orologi degli altri, ammettiamolo. Sicuramente Garmin è uno di questi e il suo modello Fenix è certamente la punta di diamante in termini di tecnologia sofisticata, quasi strema. Non ci deve trarre in inganno il suo aspetto quasi classico, con un display perfettamente tondo interamente occupato dall’elettronica di un LCD monocromatico da 70×70 px. E’ indubbiamente un oggetto particolare rispetto al (quasi) standard che siamo abituati un po’ a maneggiare con i nostri smartwatch. Ha un discreto assortimento di sensori ambientali (GPS compreso) che consentono la raccolta di dati direttamente dall’orologio, fondamentale dal punto di vista del posizionamento geografico. Ci manleva infatti da dover tenere lo smartphone a “vista cielo”, nel nostro caso infatti sarebbe Felix a essere tracciato dai satelliti (con un GPS oltretutto sensibilissimo).

Barometro, altimetro e bussola elettronica completano un panorama davvero ricco e tipico di un orologio di alta gamma come questo con una grande tradizione di outdoor alle spalle. Garmin Fenix nasce infatti per accompagnare ad alte quote gli escursionisti e chi arrampica, ma può davvero essere adottato da chiunque anche se la sua vocazione è il monitor di attività sportive, di qualsiasi tipo.

garmin_fenix_smartwatch

Oggi le sue funzionalità vengono estese e mettono un piede dentro la logica smartwatch. Garmin ha infatti rilasciato il software per stabilire l’interfaccia tra lo smartphone (al momento compatibile solo iPhone) e l’orologio. Fenix potrà ricevere le notifiche relative alle chiamate in ingresso e la messaggistica, e qualsiasi altra notifica presente sullo smartphone, comportandosi da vero e proprio smartwatch. Per fare questo potrà sfruttare il suo chip bluetooth 4.0 disabilitando le funzionalità ANT+ per collegarsi ad altri device come contapassi, cardio frequenzimetri, ecc. Sarebbe interessante sapere se l’orologio potrà avere la capacità di inviare dati allo smartphone (per esempio per archiviare tracciati o punti di interesse), si amplierebbero ancora di più le sue capacità, già davvero notevoli.

Nota negativa? Sicuramente il prezzo, per portarselo a casa ci vogliono almeno 400$ ai quali dovrete aggiungere spedizioni e dazi doganali. Non male, vero? :-)

Garmin Fenix

Garmin Fenix

Vota questo post
Garmin Fenix, convergenza verso lo smartwatch ultima modifica: 2013-12-06T16:26:34+00:00 da Stefano Ratto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -