Archos sbarca sul pianeta smartwatch

archos_smartwatch_01

Al recente CES2014 sono stati presentati al pubblico davvero tanti modelli di smartwatches, alcuni già conosciuti e apprezzati dal pubblico, altri completamente inediti. E’ questo il caso anche di Archos, la nota azienda già produttrice di devices legati al al mondo della mobilità e che vanta una reputazione davvero solida nell’ambiente. Sorprendendo molti, l’azienda americana ha presentato ben tre diversi smartwatch, riuscendo ben a distinguerli per capacità, fascia di prezzo e funzioni. Il più interessante dei tre è, a mio avviso, l’unico che adotta un bel display e-Ink che gli consente grande autonomia e una visibilità perfetta sotto la luce del sole. E’ però anche il più caro dei tre anche se in valore assoluto parliamo (per tutti e tre) di fasce di prezzo davvero aggressive.

archos_smartwatch_02

Si parte infatti dai sorprendenti 49$ del modello base che non prevede touch screen ma la navigazione con i tasti e un chiaro display LCD in bianco e nero. In realtà la stessa Archos ha diffuso ben poche informazioni a riguardo e sono difficili da trovare anche le specifiche tecniche. Ci sarà comunque poco da attendere visto che la commercializzazione degli orologi è prevista dall’inizio di marzo (almeno per i primi due modelli).

archos_smartwatch_03

Il secondo modello e intermedio in termini di prezzo (forse 99$) avrà un display touch a colori e sarà più completo a livello hardware con l’adozione del bluetooth a basso consumo e accelerometro per ampliare le sue funzionalità anche in ambito fitness. Anche se l’estetica di questi due primi modelli non è esattamente entusiasmante è da apprezzare senza ombra di dubbio il prezzo ridotto che sicuramente inviterà molti che non sono disposti a spendere grandi cifre, ad avvicinarsi al mondo smartwatch.

archos_smartwatch_04

Il terzo (e a mio avviso più interessante) modello è dotato di display e-Ink (piuttosto lento nel refresh) e finiture in metallo. La curvatura accentuata del display lo fa differire di molto rispetto ai fratellini minori e lo rende di sicuro più attraente dal punto di vista stilistico. Oltre a questo offre l’innegabile vantaggio di avere un display sempre acceso che gli consente un’autonomia di circa dieci giorni. Dovremo però attendere del tempo per poter approfondire i dettagli tecnici e conoscere le specifiche. Per ora dobbiamo accontentarci dei video ripresi allo stand di Archos durante il CES2014 che comunque ci mostrano un po’ più da vicino questi neo nati modelli di smartwatch.

Vota questo post
Archos sbarca sul pianeta smartwatch ultima modifica: 2014-01-29T11:46:10+00:00 da Stefano Ratto

One Response to Archos sbarca sul pianeta smartwatch

  1. […] generazione dei suoi dispositivi indossabili, Sony ha il suo valido SmartWatch2 e molti altri brand stanno per debuttare sul mercato. Davanti a questo scenario, i “piccoli”  progetti nati su KickStarter o Indiegogo […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -