Dentro Android Wear: ecco come sono fatti Lg G Watch e Gear Live

android wear

Smontare un device per poter osservare la sua struttura hardware è sempre interessante e lo è ancor di più se sotto la lente ci finisce uno smartwatch di ultima generazione come sono Lg G Watch e Samsung Gear Live. Si finiscono per scoprire anche notevoli differenze di architettura e i due primi smartwatch con Android Wear  sono assai diversi anche all’interno.

lg g watch inside

Lg G Watch

Innanzitutto risulta molto semplice aprirli però, badate bene, questa manovra invalida totalmente la garanzia e rischia di compromettere la tenuta a polveri e acqua certificata dal grado IP67 presente nelle specifiche. In ogni caso basta rimuovere (in entrambi) le viti Torx T5 che mantengono saldamente al suo posto il coperchio della cassa. La prima sorpresa è che nel G Watch parte della meccanica si trova alloggiata all’interno del coperchio stesso. Troviamo infatti la batteria da 400mAh, il motore della vibrazione (nell’immagine lo vedete nell’angolo in basso a sinistra), oltre naturalmente i contatti della ricarica.

Nell’immagine sopra a sinistra si vede chiaramente la guarnizione che contorna tutta la cassa (una sorta di oring) e che concorre a mantenere protetto l’interno dello smartwatch, oltre alla guarnizione è stata utilizzata una particolare pasta (se ne notano i residui sulla superficie). All’interno si trovano le due componenti più importanti dell’elettronica. Due schede logiche sovrapposte, la prima delle quali è un’incredibilmente piccola PCB (Printed Circuit Board) che ospita il SoC Qualcomm APQ8026(4 x Cortex A7 + Adreno 305 GPU), sotto di questo vediamo il Qualcomm PM8226 PMIC che gestisce le operazioni di ricarica e l’alimentazione.

Sulla parte inferiore, dietro la PCB, si nota il controller del touch screen Synaptics (lo stesso utilizzato sul Moto X).

Il Samsung Gear Live è protetto anche lui da 4 viti Torx che ne assicurano la tenuta stagna. Anche qui è evidente che si è fatto ogni sforzo per ottimizzare il ridotto volume interno per “stivare” tutta l’elettronica. Per cui esattamente come per il modello Lg abbiamo dentro il coperchio la batteria e l’elettronica per alimentarla con i contatti esterni, il motore a vibrazione è invece alloggiato all’interno della cassa principale (anche qui nell’angolo in basso a sinistra). Al centro del coperchio notiamo il foro del sensore cardio che è al centro della scheda sul lato opposto.

Samsung Gear Live inside

Samsung Gear Live

 

La scheda logica del Gear Live è piuttosto complessa. E’ composta da due differenti componenti, praticamente su due livelli. Nell’immagine sotto vediamo la PCB con e senza la seconda parte di scheda alloggiata (a sinistra con, a destra senza).

Vediamo lo stesso SoC Qualcomm APQ8026 con la DRAM Samsung posizionata sotto

Samsung Gear Live

Samsung Gear Live

 

Concludendo, appare abbastanza significativa la differenza a livello di architettura tra i due dispositivi. Samsung Gear Live ha una struttura più compatta e complessa a livello di scheda logica anche se non necessariamente questo si traduce in maggiore affidabilità, resistenza o altro. Probabilmente il costo “alla fonte” dei due smartwatch è leggermente diverso (Lg potrebbe costare un po’ meno per essere costruito) anche se per ragioni di mercato sono distribuiti allo stesso prezzo. In ogni caso una disamina davvero interessante questa della componentistica interna dei due dispositivi, che ci fa capire quanto sia complessa l’opera di miniaturizzazione e ingegnerizzazione a questi livelli. In futuro vedremo qualcosa di simile anche per il Moto360 che sicuramente mostrerà delle soluzioni particolari data la sua forma completamente circolare.

Avete poi deciso quale dei due acquistare? :-)

Vota questo post
Dentro Android Wear: ecco come sono fatti Lg G Watch e Gear Live ultima modifica: 2014-07-02T12:04:13+00:00 da Stefano Ratto

One Response to Dentro Android Wear: ecco come sono fatti Lg G Watch e Gear Live

  1. […] importanti per l’acquisto di uno smartwatch di ultima generazione, come sono per esempio i recentissimi devices con Android Wear. Tanti sono anche frenati dalla mancanza di comparto GSM e vorrebbero potersi portarsi dietro SOLO […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -