Microsoft sorprende tutti e lancia Band

Microsoft Band

Annuncio a sorpresa quello della casa di Redmond che, mettendo fine ai rumors, presenta il suo dispositivo indossabile, più simile a un bracciale che a uno smartwatch. E’ multipiattaforma e riserva molte sorprese.

A dispetto delle previsioni e anche di qualche rumor che ci aveva quasi azzeccato, Microsoft improvvisamente fa debuttare il suo bracciale smart che chiama semplicemente Band. Una filosofia radicalmente diversa da quella ricercata da Apple con il suo Watch, forse più ricca di contenuti e senz’altro con un alto grado di innovazione. Subito uno degli elementi più importanti: Band è multi piattaforma, per cui lo potrà utilizzare chiunque e con qualsiasi dispositivo. Scelta quanto mai intelligente quella del gigante dell’informatica che ha deciso di non relegare in una nicchia la sua smartband e non dedicarla solo ai possessori di Windows Phone (che sono pochini, diciamocelo). Questi ultimi però avranno l’esclusivo uso dell’assistente vocale Cortana, non supportato dagli altri sistemi.

Microsoft Band

Secondo punto la ricchezza di possibilità. Grande uso di sensori health con controllo biometrico del battito cardiaco, sensore per rilevare la quantità di raggi UV, accelerometro e giroscopio a tre assi, sensore galvanico per la pelle, temperatura corporea e tanto altro ancora. Ma Band non si ferma qui. E’ presente un GPS per la localizzazione, bluetooth 4.0 BLE, vibrazione. Di seguito le specifiche complete.

Microsoft Band

Certo incontrerà i favori del grande pubblico, come dispositivo mi sembra davvero azzeccato considerato anche il prezzo di vendita. Basteranno infatti 199$ per allacciarselo al polso e sarà disponibile su tutti i mercati mondiali. Microsoft con questa mossa dimostra di saper stare al passo con le innovazioni e si scrolla di dosso sicuramente un po’ di patina opaca mantenendo il family feeling con le sue famiglie di dispositivi grazie all’interfaccia a quadretti che ormai abbiamo imparato a conoscere. Autonomia non eccezionale (48 ore di uso standard, senza usare GPS) e grado di resistenza all’acqua sufficiente per correre sotto la pioggia. Vedremo nelle prossime ore le reazioni in internet,  ma la sensazione è quella giusta, a pelle questa Microsoft Band saprà ritagliarsi la sua fetta di entusiasti estimatori. A voi piace?

Vota questo post
Microsoft sorprende tutti e lancia Band ultima modifica: 2014-10-30T10:00:05+00:00 da Stefano Ratto

4 Responses to Microsoft sorprende tutti e lancia Band

  1. frenky991 scrive:

    ma tra la miriade di sensori c’è anche quello per la rilevazione del livello di glucosio nel sangue???

  2. LucaS888 scrive:

    Non mi esalta sia per come fatto sia per le funzioni, che infine per il prezzo.
    Mi pare una smartband evoluta poco superiore a gear fit (esteticamente superiore).
    Ha l’indubbio pregio della compatibilità, ma non è detto che basti.

    Peccato, mi aspettavo di meglio.

    • smartwatch_ita scrive:

      Davvero Luca? Ti dirò, non lo vedo male anche se mi “cade” sull’autonomia e (comunque) non amo le smartband in generale. Lo salva essere multi piattaforma, per il resto (come le altre band) troppo dedicato al fitness e mi interessa poco (proverbialmente sono molto pigro :-) )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -