Pebble si veste di Android Wear, ecco le novità

aggiornamento pebble

L’immortale Pebble (è il caso di definirlo così) riceve un nuovo importante upgrade del suo OS. Ieri infatti è stata rilasciata la beta nella versione 2.9 che rivoluziona notevolmente l’esperienza d’uso del piccolo smartwatch americano, rendendola del tutto simile a quella di Android Wear.

Assume infatti la veste e le interazioni proprie del sistema per dispositivi indossabili di Google, cioè la possibilità di intervenire ad ogni livello al ricevimento di una notifica (con l’unico limite delle risposte vocali). Cosa significa tutto questo? Lo si capisce guardando il video sotto, è in realtà molto semplice. Al ricevimento di una notifica appare accessibile adesso un menù (agendo sul pulsante centrale) che ci consente di effettuare diverse azioni legate al tipo di notifica visualizzata sul display di Pebble. Una mail  ricevuta nella propria casella Gmail potrà essere gestita in maniera differente, dall’apertura sullo smartphone della mail stessa, all’archiviazione, al mark con la stella per le conversazioni speciali.

Come dicevo l’esperienza d’uso e le possibilità di Pebble si ampliano enormemente, grazie alla possibilità di intervenire sullo stato delle notifiche a bordo dello smartphone, lasciando in evidenza quelle importanti, mettendo in risalto o archiviando a seconda dell’esigenza. Questo nuovo modo d’uso avvicina molto l’approccio che si ha con Pebble a quello nativo di Android Wear, la differenza è l’interfaccia a pulsanti al posto di quella tattile.

Non è l’unica novità arrivata ieri, se comunque non fosse sufficiente! Grazie all’aggiornamento anche della ottima companion app di Pebble adesso possiamo contare anche sull’aggiornamento automatico delle piccole app (e delle watchface) installate sullo smartwatch. Come vedete dall’immagine è prevista anche una discreta configurazione in merito, che ci consente di scegliere la modalità di connessione per l’aggiornamento , la notifica e l’attivazione o meno dello stesso auto update.

Pebble Update

Con la nuova app 2.3 il supporto è stato esteso anche ai possessori di smartphone Android con la versione 4.0 (o successive) del sistema con il robottino verde, mentre prima era possibile accedere a queste funzionalità solo con versioni dalla 4.3 in avanti. Considerata la frammentazione storica di Android questa è senz’altro un’ottima notizia. Non c’era davvero miglior modo per augurare buon Natale ai pebblers sparsi in giro per il mondo!

Vota questo post
Pebble si veste di Android Wear, ecco le novità ultima modifica: 2014-12-17T12:05:00+00:00 da Stefano Ratto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -