HIRIS, nasce a Genova il primo wearable computer

HIRIS Wearable computer

Hiris è un vero e proprio computer modulare che nasce in prima istanza nei laboratori IIT (Istituto Italiano Tecnologia) di Genova. Si tratta di un progetto complesso e molto ambizioso che contiene un grado di innovazione davvero sensazionale. Vediamolo nel dettaglio.

Innanzitutto si tratta di qualcosa di diverso di quanto visto fino a questo momento in ambito non solo smartwatch, ma anche e soprattutto nella sfera del wearable. Hiris è composto da più elementi, il principale dei quali è chiamato Core e contiene tutta l’intelligenza necessaria per eseguire un monitor molto raffinato e complesso dei movimenti eseguiti da chi lo indossa, sfruttando il moto anche (e si tratta di una delle novità) per impartire comandi ad altri dispositivi. Oltre a questo può gestire una varietà di attività davvero ragguardevole, ben documentate dallo specchietto sotto.

HIRIS Wearable computer HIRIS Wearable computer

Il secondo prezioso elemento di questa catena è chiamato Tracker e amplia le possibilità di controllo del modulo principale, raccogliendo dati in base all’utilizzo. Qui gli scenari sono davvero molteplici, dalla semplice ginnastica, alle pratiche riabilitative, allo studio dei movimenti legati alla cinetica. Davvero infinite possibilità per un sistema modulare e espandibile che offre molteplici modi d’uso e applicazioni interessanti. Infatti a un quadro di per se già piuttosto completo si vanno ad aggiungere moduli di espansione che trovano posto nello slot laterale di Hiris Core e che introducono ad alcune funzionalità che nativamente non sono presenti su Hiris, come il modulo GPS o audio. Praticamente è un modo originale per dotare HIRIS di nuove interfacce, virtualmente infinite.

HIRIS Wearable computer

 

Come dicevo si tratta di un progetto ottimamente documentato e ricco di spunti, salito già agli onori della cronaca per un’apparizione agli MTV DigitalDays nella quale ha dato dimostrazione del suo potenziale permettendo a un DJ di mixare con semplici gesti in spazio aperto, senza toccare in alcun modo la strumentazione o altri device. Davvero impressionante.

Chi volesse approfondire e collaborare/finanziare il progetto può accedere alla pagina della campagna su Indiegogo e approfondire ogni singolo aspetto, a me non resta che augurare ai ragazzi di HIRIS di concludere felicemente la loro campagna crowdfunding, e non mi sento di nutrire dubbi in proposito :-). Ne parleremo ancora in futuro, HIRIS credo che sia solo all’inizio della sua storia.

 

Vota questo post
HIRIS, nasce a Genova il primo wearable computer ultima modifica: 2015-01-23T17:22:46+00:00 da Stefano Ratto

2 Responses to HIRIS, nasce a Genova il primo wearable computer

  1. albet thoreau scrive:

    interessante, ma preferisco aspettare questo http://www.chooseblocks.com/business

  2. smartwatch_ita scrive:

    Per Blocks ho aderito alla campagna dei primi 1000, per cui sono in attesa dell’inizio della campagna crowdfunding (che dovrebbe partire a marzo). Hiris è una bella realtà che poggia su principi di integrazione diversi, ugualmente validi.
    Il bello di questo nuovo mondo degli indossabili è che non esiste uno standard ma anzi si va conformando un mercato molto articolato e ricco di possibili soluzioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -