Huawei Watch, qualcosa di già visto (MWC2015)

Huawei Watch

Non me ne vorrà Huawei ma il suo Watch (viva la fantasia) è davvero qualcosa di già visto e senza nessun elemento che aiuti a distinguerlo da altri smartwatch mossi da Android Wear.

Certo non è necessario e indispensabile inseguire l’originalità a tutti i costi ma i dispositivi indossabili regalano davvero tante possibilità di espressione e consentono un uso della fantasia che forse in altri ambiti non è pensabile. Nell’ultimo anno soprattutto abbiamo visto nascere decine di dispositivi e molti di questi con grado di innovazione, software e hardware, davvero significativo. Non mi pare il caso davvero di Huawei Watch. Si tratta infatti di uno smartwatch elegante con display perfettamente circolare e la componente software di Android Wear. Adotta vetro zaffiro per la superficie del display (e forse qui crea un precedente) ma possiamo ragionare poco sulle sue caratteristiche perché non è stata diffusa una scheda tecnica completa.

Huawei Watch

La speranza è che riesca a mantenere un profilo basso anche nel prezzo, oltre che nel grado di originalità. Lo vediamo comunque nel video diffuso ripreso dai ragazzi di HDBlog, dove avremo modo di apprezzare più la gentile modella che lo smartwatch stesso.

Vota questo post
Huawei Watch, qualcosa di già visto (MWC2015) ultima modifica: 2015-03-04T13:17:46+00:00 da Stefano Ratto

One Response to Huawei Watch, qualcosa di già visto (MWC2015)

  1. Marco DM scrive:

    Appena presentato l’Apple Watch, confesso che anche io ho storto il naso, dal punto di vista estetico.
    Ad oggi, però, vedere questi orologioni tondi e spessi che dovrebbero strizzare l’occhio ad un qualcosa di più classico e poi dentro mostrano un display LCD sfolgorante, mi fa capire che probabilmente Apple ha fatto la scelta giusta.
    Senza dimenticarsi che questi accrocchi vanno in standby e a display spento diventano ancora più brutti. :)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -