Pebble Time, scopriamo l’interfaccia Timeline

Pebble Time

La logica che sta dietro alla nuova interfaccia Timeline di Pebble Time vuole essere semplice e immediata, ma soprattutto utile. Scopriamola insieme.

Si è giustamente parlato molto dell’aspetto estetico del nuovo Pebble Time, ragionando su quanto e come sia cambiato rispetto al modello originario. Le integrazioni e le migliorie hardware sono importanti e consentono al piccolo smartwatch californiano di ampliare l’esperienza d’uso del suo utilizzatore. Grazie ai colori del display e-paper, al microfono per impartire comandi vocali, ai nuovi cinturini smart che vedranno la luce più avanti e altro ancora. Un po’ meno abbiamo avuto modo di ragionare sulla componente software anche perché non è stata ancora completamente svelata.

Rispetto alla precedente generazione assistiamo a un vero stravolgimento della sua logica e alla nascita di una particolare interfaccia chiamata Timeline. Sulla pagina di KickStarter che ospita il progetto del nuovo Pebble troviamo le prime importanti indicazioni relative al nuovo SO. Il team di Pebble come prima cosa ci fa presente (nel caso lo avessimo scordato) che uno smartwatch è per prima cosa un orologio e che la sua principale funzione è quella di mostrare il tempo che scorre, nelle sue principali declinazioni: passato, presente e futuro. Nel video di seguito il concetto viene ben espresso da tre ingegneri di Pebble.

I classici tre tasti laterali che ritroviamo identici si prestano perfettamente a gestire il nostro tempo, appunto suddividendolo nelle principali tre aree temporali. Una delle frasi più significative che illustrano questo principio è la seguente:

You already plan your day around time, so it makes sense for your Pebble to be organized around the same principle.

Noi tutti già naturalmente (e istintivamente) organizziamo la nostra giornata in termini temporali, la filosofia del nuovo Pebble si adegua allo stesso principio. E ogni informazione, notifica e aggiornamento viene “spalmata” sulla nostra personale linea del tempo aiutandoci a monitorare le nostre attività e quello che più ci interessa. L’approccio è radicalmente diverso da quello pensato per altri smartwatch, primo fra tutti Apple Watch, che evidentemente è pensato per un uso molto più tradizionale visto che prevede un accesso alle singole applicazioni che è avulso dalla principale visualizzazione sul display. L’unica domanda che mi sento di fare è questa: quale di queste filosofie risulterà vincente?

Pebble Time

 

Vota questo post
Pebble Time, scopriamo l’interfaccia Timeline ultima modifica: 2015-03-18T11:41:02+00:00 da Stefano Ratto

5 Responses to Pebble Time, scopriamo l’interfaccia Timeline

  1. Andrea Pozza scrive:

    Non è chiaro come si possa espandere una notifica visto che il tasto centrale serve per tornare al presente

    • smartwatch_ita scrive:

      Il funzionamento dell’interfaccia sarà una delle cose che proverò immediatamente dopo averlo ricevuto. Prevedo almeno due/tre approfondimenti video dedicati ad hardware e software. Per ora anche a me appare piuttosto confuso, ne sapremo meglio più avanti..

    • LucaS888 scrive:

      Dalle immagini sembra che si espanda automaticamente la prima visualizzata in alto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -