Comandate il vostro smartwatch con (l’) Aria

Air Gesture

Potrà sembrare un semplice gioco di parole, quello del titolo. Ma Aria è davvero una grande invenzione che introduce a un’interfaccia davvero innovativa per interagire con il proprio smartwatch Android Wear o Pebble. Vediamo come funziona.

Già il breve video, ammettiamolo, impressiona. Il piccolo modulo che si aggancia al cinturino rileva i nostri semplici movimenti per accedere al launcher, scorrere la lista delle applicazioni ed eseguirle. La dimostrazione è banale ma quanto mai efficace. Una persona in una delle tante situazioni tipo, seduta a un bar con una bibita in mano e la necessità di controllare il contenuto di una nota, oppure avviare il sensore del battito cardiaco. Tutto sembra effettivamente molto naturale e Aria potrebbe davvero rivelarsi una killer application (una delle tante che potrebbero essere sviluppate) in ambito smartwatch, la possibilità di interagire senza dover ricorrere al touch o ai tasti fisici (per Pebble).

Aria si aggancia al cinturino e rimane a contatto con la pelle. Grazie alla sua superficie sensibile “legge” i movimenti dei nervi ed è in grado, grazie alla connessione Bluetooth LTE, di impartire il comando corretto allo smartwatch. Debutterà su KickStarter il prossimo mese con una campagna di crowdfunding ma potete approfondire il suo concetto e avere informazioni già da adesso accedendo al mini sito creato appositamente, lo trovate qui. Vi segnalo che è un progetto totalmente italiano (in parte sviluppato nel Regno Unito) pensato e sviluppato da tre brillanti ingnegneri (Matteo De Cicco, Alessandro Allievi e Alfredo Belfiori) soci in Deus Ex Technology Ltd . Non sembra anche a voi un’ottima idea?

Vota questo post
Comandate il vostro smartwatch con (l’) Aria ultima modifica: 2015-05-25T15:50:28+00:00 da Stefano Ratto

8 Responses to Comandate il vostro smartwatch con (l’) Aria

  1. LucaS888 scrive:

    Lo trovo interessante ed utile più su android wear, su pebble prediligererei comunque i tasti fisici a prova di errore.
    Su pebble mi par di capire che non richieda accessori, forse userebbe un suo cinturino.
    Su android l’ideale sarebbe integrarlo in qualche prodotto perche così non so quanto sia “gradecole” esteticamente ma non solo.

    • smartwatch_ita scrive:

      Si, infatti il modello per Pebble costerebbe di meno, potendo risparmiare la batteria. Rimane comunque interessante per la possibilità di comandare lo smartwatch con una sola mano, anche se i tasti fisici sono, come dici, a prova di errore.

      • LucaS888 scrive:

        Diciamo che sarebbe una cosa che sarei interessato ad avere nativamente (più su aw e apple watch che su pebble) e magari usandola abitualmente arriverei a trovarla comoda, ma spenderci un centone aggiuntivo tra l’altro al buio…. mah.
        Riparliamone tra qualche anno, in fondo una volta gps, modem e altre componenti erano accessori (costosi) dei palmari, ora sono parte integrante dell’essenza stessa di uno smartphone (e di uno smartwatch).

        Comunque è una tecnologia che merita di venire sviluppata.

  2. vulcan_over scrive:

    buongiorno, Aria e altre cose strane stanno continuando a spuntare qua e la…. vabbè… (chissà quelle “vecchie” se esistono ancora o a che punto sono…)
    mentre un buon smartwatch con la sim e con un bel design ancora non si vede (a parte il futuro Sam A o LG LTE; ma quello in giro non c’è, e se ho visto bene un MTK che sembra promettere bene) e ci sono copie di copie di copie cinesi… vabbè… per questo mi era difficile commentare ultimamente…ma sto continuando a leggere i vari post…
    sarei curioso di sapere se questo applewatch alla fine è buono o no e cosa lo differenzia dagli altri… perché nei vari siti di tech non si capisce nulla e i commenti sotto non aiutano…
    per il momento… saluti =)

  3. vulcan_over scrive:

    buongiorno, Aria e altre cose strane stanno continuando a spuntare qua e la…. vabbè… (chissà quelle “vecchie” se esistono ancora o a che punto sono…)
    mentre un buon smartwatch con la sim e con un bel design ancora non si vede (a parte il futuro Sam A o LG LTE; ma quello in giro non c’è, e se ho visto bene un MTK che sembra promettere bene) e ci sono copie di copie di copie cinesi… vabbè… per questo mi era difficile commentare ultimamente…ma sto continuando a leggere i vari post…
    sarei curioso di sapere se questo applewatch alla fine è buono o no e cosa lo differenzia dagli altri… perché nei vari siti di tech non si capisce nulla e i commenti sotto non aiutano…
    per il momento… saluti =)

    • smartwatch_ita scrive:

      Apple Watch non ha la sim ma consente di gestire le chiamate via bluetooth. Buono sicuramente lo è e ben costruito ma bastano i dati relativi all’autonomia e un display che si spegne a farmi passare l’interesse….

      Per quello che riguarda smartwatch con la sim siamo alla situazione nebbia in val padana. A parte quelli che menzionavi te il resto è robaccia cinese di pessima qualità, mi spiace. C’è un progetto interessante su Kickstarter di uno smartwatch chiamato Rockioo e pare essere qualcosa di diverso rispetto alla scadente produzione attuale. Lo hai visto?

      • vulcan_over scrive:

        Si ho visto Rockioo ma alcune caratteristiche non convincono pienamente, e soprattutto la raccolta fondi mi pare abbastanza indietro per farcela… quindi lo inserirei nella nebbia padana insieme agli altri… in attesa di qualcosa di buono/bello… (peccato perché se il prezzo fosse davvero 130$ magari un tentativo glielo si poteva concedere)…
        Quindi per intanto continua l’attesa e la speranza che ciò che ho continui a funzionare per quanto necessario..
        … buon lavoro e buon hobby quando posti qua .. ciao ciao :)

        • smartwatch_ita scrive:

          Peccato perché era partito bene ma adesso vedo che è rimasto lontano dall’obiettivo (200.000$ sono tanti). Ma adesso cosa indossi al polso?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -