Samsung Gear S2, il gradino più alto per uno smartwatch

Samsung Gear S2

Dopo la presentazione avvenuta ieri a IFA di Berlino, sembra che Samsung Gear S2 abbia conquistato il gradino più alto del podio, vediamo perché

Samsung Gear S2

Tutti gli operatori, italiani e stranieri, in maniera quasi assoluta e trasversale, sembra che vogliano assegnare la medaglia più prestigiosa (in ambito smartwatch) al nuovo prodotto di casa Samsung, il Gear S2. Ampiamente annunciato e davvero molto atteso è forse andato al di là delle attese degli appassionati (e non solo) soprattutto perché a dispetto della concorrenza ha saputo assicurare un grado di innovazione davvero importante. Non solo a livello hardware ma anche e soprattutto grazie a un SO, Tizen, che ha mostrato grandi progressi e un’interfaccia snella, veloce e accattivante.

Merito non solo dell’impianto software ma anche della modalità di interfaccia regalata dalla splendida ghiera girevole che permette di interagire con i contenuti visualizzati sul display dell’orologio in maniera immediata e molto precisa. Proprio come gli orologi tradizionali che utilizzano una simile soluzione, la ghiera effettua uno scatto fisico alla rotazione che regala un feedback deciso e inequivocabile, davvero molto preciso. Se proprio c’è da muovere un appunto, se fosse stato integrato anche un pulsante per le conferme (ne abbiamo due laterali, home e back), il pacchetto sarebbe stato davvero completo. Invece è necessario ricorrere al touch screen per confermare la nostra scelta ma è un elemento se vogliamo trascurabile. La ricarica wireless e l’autonomia (quasi) di tre giorni completano l’offerta per un prodotto, secondo me, molto più che azzeccato.

Come già detto le versioni disponibili (almeno inizialmente) saranno due, Standard e Classic, che si differenziano esclusivamente sul lato estetico e per i materiali. Seguirà una versione con eSIM per gestire in autonomia le chiamate vocali ma non è stata ancora presentata. I prezzi (e qui tocchiamo il tasto dolente) partono dai 349€ dello standard e arrivano ai 399€ del Classic.

Vota questo post
Samsung Gear S2, il gradino più alto per uno smartwatch ultima modifica: 2015-09-04T10:42:43+00:00 da Stefano Ratto

12 Responses to Samsung Gear S2, il gradino più alto per uno smartwatch

  1. LucaS888 scrive:

    L’assenza del tasto di conferma, soprattutto in presenza di 2 tasti fisici è invece un difetto consistente.
    Potrebbero correggersi aggiungendo almeno una personalizzazione dove si possa scegliere la funzione del secondo tasto, o indietro o conferma.
    Anche perchè sul gearS tornare indietro con la gesture non è un gran problema.

    Detto di questo difetto (più software che altro) mi piacciono diverse cose, ad iniziare dalla linea (belli entrambi anche se preferisco il classic), dalla grandezza (sembra perfetta) e da alcune cose della UI, bene anche la ricarica wireless, l’aggancio del gear s (e della fit) .

    Rimangono però tutti i limiti dello schermo, sia come dimensione sia come forma, inadatto per la lettura di notifiche/messaggi/mail complesse; ma è un limite accettabile per una certa utenza.

    Non ho visto prove specifiche, spero però che la ghiera sia anche abilitata allo scroll del messaggio, anche se questo finirebbe per scontrarsi con l’uso standard, cioè il passaggio tra una sezione e l’altra.
    Può essere che sia imposta in un certo modo.
    Esempio: visualizzazione notifica “breve”, clic (touch o in futuro tasto) per “entrare” nel messaggio (è così anche sul gearS), a quel punto la ghiera verrebbe abilitata per lo scroll finchè col tast back o home non si “esce” dal singolo messaggio.

    Unico vero difetto che invece poco comprendo è l’eliminazione dell’altoparlante che di fatto limita le funzioni già viste in altri modelli, mah.
    Forse opteranno per metterlo solo nel modello con SIM per dargli un “plus” in più rispetto ai fratellini ?
    O mancherà anche lì e a quel punto la sim avrebbe senso solo per l’uso dati ?

    • smartwatch_ita scrive:

      Un vero peccato la mancanza di un terzo tasto da conferma (che sarebbe stato piu’ che logico e giustificato). Per quello che riguarda le modalità di utilizzo sono tutte da scoprire, mi incuriosirebbe davvero vederlo dal vivo.

      Difficilmente ne vedrò mai uno :-)

  2. Luca Michielini scrive:

    Sarà interessante vedere se gli aggiornamenti di Tizen arriveranno anche sul Gear S, che al momento gira “col freno a mano tirato”!!!!

  3. Ancucchi scrive:

    Su tutti i siti dove si parla di questo nuovo entusiasmante smartwatch, non si dice la cosa più importante: continuerà ad essere abbinabile solo a smartphone Samsung?

  4. Federico scrive:

    Secondo me il gioco del Samsung Gear S2 non vale la candela. Mi spiego meglio, certo non si può dire che l’indossabile della Samsung sia da buttare, anzi, concordo sul fatto che si posizioni sul podio degli smartwatch attualmente disponibili ma il prezzo e la necessità di avere per forza uno smartphone Samsung per la sincronizzazione è frustrante! Non lo consiglio.

    Ho letto recentemente su Smartwatch Pro che forse è fase di lancio a dicembre un Apple Watch con cinturino in acciaio o comunque in materiale duro…potete confermare??

  5. vulcan_over scrive:

    salve,
    un anno fa avevo preso il mio copia-omate pensando che a questo punto l’avrei cambiato per averne uno più bello e migliore… ma purtroppo nessuno delle grandi case ha fatto niente in questo senso…
    peccato perché se questo l’avessero reso indipendente forse avrei speso l’enormità che costa per averlo… ma samsung non vuole i miei soldi evidentemente (comprare un telefono per potere avere anche lo smartwatch-companion mi pare eccessivo)… e quindi nada… aspetto e vedo se qualcuno si decide a far qualcosa… la cosa non mi torna comunque… a che serve che le marche facciano robe tutte uguali? dovrebbero differenziare un po’ di più l’offerta secondo me…
    inoltre sul Gear S2 concordo che un tasto “azione” ci vorrebbe… così si potrebbe usare magari senza toccare il display…

    e ps: a differenza di altri siti che sto seguendo per avere info sugli smartwatch, qui i commenti sono leggibili… in giro veramente è una tristezza leggere i soliti 5-10 che dicono “schifo questo fico quello” di ogni smartwatch… ( e poi viene fuori magari che mai e poi mai se ne prenderebbero uno per nessuna ragione al mondo) e da li nascono discussioni inutili sul nulla… quindi… complimenti ai visitatori di TLR

    • smartwatch_ita scrive:

      Certo, questo è un blog di un certo livello! Cosa ti credi! 😀
      Grazie sempre per i tuoi contributi così argomentati, speriamo che qualcuno riesca ad andare oltre agli Omate (e similari). Non disperiamo!

      A presto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -