Lg Urbane LTE

LG Watch Urbane 2nd edition, Android Wear a tutto LTE

LG Watch Urbane è stato presentato questa primavera ma il suo seguito, decisamente più evoluto, sta per vedere la luce. Vediamo cosa c’è di diverso e di nuovo in questa seconda edizione, a partire dalla presenza dell’LTE.

La presenza della connessione di rete LTE non è però l’unica novità di questa nuova versione, Lg Urbane 2nd Edition vanta anche un display più grande, sia in termini di dimensione assoluta che di risoluzione. Questo nuovo pannello è alloggiato in un corpo più grande (logicamente) ma anche più sottile. Parte dell’elettronica risiede infatti nel cinturino che non è più, a questo punto, intercambiabile. Ultimo sostanziale elemento che troviamo in più è la presenza del GPS, che rende completamente autonomo l’orologio anche dal punto di vista della localizzazione.

A questo punto è doverosa una precisazione: con che principio funziona Lg Urbane LTE? Non è presente un alloggiamento sim per cui la modalità di accesso alla rete viene fatta con una e-Sim, cioè una sim virtuale. Di seguito la scheda tecnica completa di Lg Urbane LTE:

  • Schermo: P-OLED da 1,38” (480 x 480 / 348ppi)
  • CPU: Qualcomm Snapdragon 400 da 1.2GHz
  • RAM: 768 MB LPDDR3
  • Memoria interna: 4 GB eMMC
  • Connettività: Bluetooth 4.1 / Wi-Fi / LTE / 3G
  • Sensori: Accelerometro / Giroscopio / Bussola / Barometro / PPG / GPS
  • Colori: Space Black / Opal Blue / Luxe White / Signature Brown
  • Certificazioni: resistenza a polvere e acqua (IP67)
  • Dimensioni: 44,5 x 14,2 mm
  • Batteria: 570 mAh
  • OS: Android Wear

Lg Urbane LTE

Cosa è una e-sim?

Il termine “e-SIM” si riferisce ad un nuovo standard promosso da GSMA – l’associazione che rappresenta gli operatori di rete in tutto il mondo.
Arriverà in forma di una carta SIM integrata, che non può e non ha bisogno di essere rimossa da un dispositivo – ed è qualcosa che i produttori di elettronica di consumo sono molto desiderosi di adottare per gli elementi collegati ad essa, soprattutto come parte dell’IoT (Internet of Things).
Le informazioni contenutain una e-sim saranno conformi alla rete alla quale accede epotranno essere riscritti da tutti gli operatori, il che significa che un utente può decidere di cambiare operatore con una semplice telefonata.  Non sarà necessaria  una nuova Sim, né ci sarà alcun ritardo (potenziale, poi dipenderà dagli operatori) nel passaggio di una e-sim alla sua nuova definizione in rete.

La e-Sim dunque apre scenari davvero interessanti e adotta una logica che si sposa perfettamente con la prossima generazione di smartwatch, della quale fa già parte Lg Urbane LTE. Esiste un però, ahimè.

Gli operatori telefonici di casa nostra non supportano le e-sim sulle loro reti, per cui al momento è impossibile per noi utilizzare dispositivi di questo tipo. Quando ci saranno nuovi sviluppi in questo ambito credo che nessuno lo sappia con precisione. E’ un aspetto interessante sul quale mantenere viva l’attenzione, vi terrò informati in merito.

LG Watch Urbane 2nd edition, Android Wear a tutto LTE
Vota questo post