OUKITEL A28, la recensione

OUKITEL A28

Oukitel A28

Oukitel A28
8

Costruzione/materiali

9/10

    Software e companion app

    8/10

      Display

      8/10

        Autonomia

        7/10

          Rapporto qualità/prezzo

          9/10

            Cosa mi piace

            • Costruzione ottima
            • Sensore battiti veloce
            • Display molto leggibile
            • SO ben realizzato
            • Resistenza all'acqua

            Cosa non mi piace

            • Autonomia appena sufficiente
            • Spessore della cassa

            OUKITEL A28 è uno smartwatch presente sul mercato da qualche tempo ma solo oggi abbiamo avuto modo di vederlo da vicino. Il prezzo ribassato e le caratteristiche interessanti ne fanno uno degli indossabili più appetibili al momento.

            OUKITEL A28 ha debuttato qualche mese fa ricalcando le linee stilistiche di Asus ZenWatch, ma senza esagerare. Ritroviamo infatti la forma rettangolare della cassa con angoli fortemente arrotondati, un corpo completamente in metallo (anche la parte inferiore che ospita il sensore di battiti cardiaci) e un vetro superiore con trattamento antigraffio. Il display è un’unità da 1.54” IPS che assicura un’ottima leggibilità anche sotto la luce diretta del sole.

            Questo slideshow richiede JavaScript.

             

            Per questo A28 è stata utilizzata l’architettura hardware di MediaTek con l’adozione del SoC MT2502 supportato da 128MB di RAM e dal bluetooth 4.0, che assicura sempre bassi consumi sia lato smartwatch che sullo smartphone collegato. Decisamente da apprezzare il SO sviluppato da Oukitel per il suo A28, che anche se proprietario è bello da vedere e funzionale e lontano anni luce da quello osservato solo nei giorni scorsi su un dispositivo come Ulefone uWear. Un’ interfaccia molto colorata, la suddivisione in 4 grandi icone delle app di sistema che sono immediatamente raggiungibili e sono presentate con una traduzione finalmente ben realizzata.

            E’ possibile attivare tutte le notifiche di sistema e logicamente gestire le chiamate voce grazie alla presenza di MIC e speaker integrati, sicuramente per questo tipo di dispositivi si tratta di una killer application e un valore aggiunto non da poco. Anche le risposte ai messaggi prevedono alcuni template da poter inviare velocemente senza l’ausilio dello smartphone e in alcune condizioni si tratta di una risorsa importante. Altre funzionalità software sono legate come di consueto al fitness e alla rilevazione del sonno ma entrambe le funzioni (purtroppo) devono essere attivate manualmente.

            La batteria da 250mAh consente un’autonomia sufficiente a coprire la giornata mantenendo attive le funzionalità bluetooth (logicamente influisce molto l’uso in modalità conversazione). Nella scheda valutativa in alto trovate i link ai maggiori store che lo hanno in assortimento con relativo prezzo di costo.

            Vota questo post
            OUKITEL A28, la recensione ultima modifica: 2015-10-22T11:29:46+00:00 da Stefano Ratto

            5 Responses to OUKITEL A28, la recensione

            1. Ancucchi scrive:

              Com’è la companion app?

            2. Ancucchi scrive:

              Comunque a me ricorda più la famiglia ZenWatch dell’Asus!

            3. Omero Piccirillo scrive:

              Mediatek device non va per s6 sapreste dirmi quale app usare? Grazie

            Lascia un commento

            Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

            Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -