Il 45% degli utenti di Apple Watch smette di usarlo entro 2 settimane

apple-watch-ricerca

Questo è il sorprendente risultato di una ricerca del portale Wristly che si occupa specificatamente dello smartwatch di casa Apple. Gli utenti di Apple Watch non si riescono ad affezionare, cerchiamo di capirne i motivi.

L’orologio di Apple è diventato di fatto il traino del mercato smartwatch, semplicemente perché ha venduto la maggior parte dei modelli di smartwatches in circolazione, dall’alto dei 7 milioni di dispositivi sul mercato (senza contare quelli piazzati durante il Black Friday). Tenendo ben in mente questi innegabili dati, è ovvio che rimane uno dei dispositivi più interessanti da studiare quando si tratta di smartwatch. E va da se che è oggetto di particolari studi e dinamiche proprio all’interno del mercato degli indossabili. Ma la scoperta più interessante è un’altra. Risulta infatti che il 45% dei proprietari di Apple Watch smesso di usare con regolarità il suo smartwatch,  entro le prime due settimane dall’acquisto.

apple-watch-fail-01

Per condurre questo studio, Wristly ha campionato un gruppo di 340 persone che hanno smesso di utilizzare l’orologio di Apple, per un motivo o l’altro  questo non vuol dire che hanno definitivamente smesso di utilizzarlo o che si rifiuterebbero di comprare il prossimo modello. Questa ricerca diventa ancora più interessante quando diamo un’occhiata alle ragioni del perché Apple Watch ha finito per rimanere inutilizzato. Secondo lo studio, quelli che seguono sono i 5 motivi usati dagli utilizzatori “delusi”:
  • Ho trovato che valesse meno rispetto a quanto è costato
  • Ho pensato che fosse troppo limitato nelle funzioni
  • Troppo lento nell’operare
  • La batteria non dura abbastanza a lungo
  • La necessità di inclinarlo per visualizzare il display è risultata fastidiosa
apple-watch-fail-02
Il motivo più significativo è quello legato al valore dell’oggetto stesso, per una significativa percentuale (63%) Apple Watch non riesce a esprimere un valore sufficiente rispetto al suo prezzo di acquisto  e si noti che questo include anche il 55% degli intervistati che hanno usato il dispositivo oltre il limite delle 2 settimane. Personalmente trovo sorprendente che il motivo principale (dell’abbandono) non sia la limitata durata della batteria, valido per il solo 36% del campione.
Da notare anche, e non è un dato trascurabile, che il 45% degli intervistati è un forte fruitore di tecnologia, per cui è logico presupporre che abbia una conoscenza approfondita in merito e che non dedichi ad acquisti al buio o fatti solo sull’onda emotiva. Sarebbe interessante applicare gli stessi principi a una ricerca sul versante opposto, cioè al mondo di Android Wear considerando comunque che a fronte di 1 miliardo di smartphone con l’OS del robottino verde abbiamo una quantità risibile di smartwatch con l’OS suo derivato. 
Vota questo post
Il 45% degli utenti di Apple Watch smette di usarlo entro 2 settimane ultima modifica: 2015-12-01T18:28:20+00:00 da Stefano Ratto

One Response to Il 45% degli utenti di Apple Watch smette di usarlo entro 2 settimane

  1. LucaS888 scrive:

    Eppure nel mercato dell’usato ne ho visti, soprattutto in uk ma venduti sempre bene, segno che l’interesse c’è sempre e il problema per molti è il prezzo, anch’io sono riuscito a prenderne uno con AppleCare+ risparmiando in tutto un 35%

    Ah per la cronaca ne sono molto soddisfatto e ha reso abbastanza indolore la rinuncia al pebble.
    Deluso invece da Android wear.

    Per me in ordine di apprezzamento

    Os watch (ovviamente solo se si ha un iPhone)
    Pebble OS
    Tizen
    Android wear

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -