F68 Sport Watch, la recensione

F68 Sport watch

F68 Sport Watch

Circa € (spedizione inclusa)35
F68 Sport Watch
7.9

Materiale/costruzione

9/10

    Display

    7/10

      Batteria

      9/10

        SO e companion app

        7/10

          Rapporto qualità/prezzo

          8/10

            Cosa mi piace

            • Grande autonomia
            • Interamente in alluminio
            • Dimensioni ridotte
            • Cinturino intercambiabile
            • Sensore ottico cardio

            Cosa non mi piace

            • Mancanza retroilluminazione
            • Poche notifiche
            • Companion app scarna

            F68 Sport Watch si conferma uno smartwatch particolare, indubbiamente per la tipologia di display utilizzato e per il form factor, abbastanza inusuale. Scopriamo come va nella nostra recensione.

            F68 Sport watch

            F68 Sport Watch

            L’impressione iniziale, ricevendo F68 SportWatch, è indubbiamente ottima, soprattutto grazie al curato box di vendita che rivela anche una significativa sorpresa al suo interno. Viene infatti fornito un cinturino aggiuntivo (uno di colore nero e uno blu) che oltretutto presenta un sistema di aggancio/sgancio rapido che ne facilita di molto la sostituzione (simile a quello di Pebble Time). I cinturini sono di silicone morbido, decisamente comodi da indossare. In ogni caso è possibile utilizzarne uno qualsiasi da 18 mm., per cui nessuna paura in caso si rottura!
            Torniamo al nostro piccolo F68 che piccolo lo è davvero (una delle immagini lo ritrae in un confronto proprio vicino a Pebble). La cassa circolare ha infatti un diametro di 37 mm., uno spessore di 12 mm. e alloggia sul retro un sensore ottico cardio, oltre che i contatti per la ricarica, e non è presente nessun tasto fisico. A proposito di ricarica, viene fornita in dotazione una piccola basetta non a ritenuta magnetica ma con un piccolo meccanismo di aggancio/sgancio molto funzionale.

            Sul davanti fa bella mostra di se il piccolo display con tecnologia LCD che ricorda molto nell’aspetto i classici orologi Casio che tutti abbiamo indossato almeno una volta nella vita. Resa ottima alla luce del sole, visibile in qualsiasi condizione di luce e sempre acceso ma purtroppo privo della retroilluminazione. Questo ne preclude l’utilizzo al buio e la lettura in condizioni di luce scarse appare piuttosto difficoltosa. Questo è l’elemento più negativo di F68 e purtroppo la mancanza di una luce che permetta la lettura al buio comporta un abbassamento del giudizio finale abbastanza importante, peccato!

            F68 Sport watch

            Confronto dimensionale con Pebble Time

             

            L’interfaccia del piccolo LCD è touch e alcune gesture permettono l’accesso ai menu. Eseguendo uno swipe dal basso verso l’alto abbiamo modo di scorrere le diverse funzionalità, che sono nell’ordine:

            –Contapassi/calorie/distanza
            –Sensore Cardio
            –Primo menu di gruppo con: avviso sedentarietà, rilevatore sonno (non automatico), timer e sveglia
            –Secondo menu di gruppo con: profilo utente, bluetooth, informazioni e modalità riavvio/spegnimento

            Ognuna di queste funzioni poi permette alcune azioni. Per esempio il sensore cardio ha tre tipi di modalità di funzionamento: spento, in rilevamento “Sport” e in modalità “Medica” con lettura continua nelle 24 ore. Queste modalità si modificano facendo un leggero tap sull’icona in alto che si anima cambiando aspetto grafico. Il touch ha un buona risposta e anche a display sporco funziona senza incertezze.

            Quando si cambia una qualsiasi delle modalità di funzionamento (contapassi, cardio, rilevamento sonno) troviamo la relativa icona di stato nel display principale, in basso. In alto, sopra le ore e la data, trovano spazio le icone “di sistema”, cioè la batteria, il bluetooth e le notifiche abilitate. Queste ultime sono piuttosto scarse e prevedono solo l’avviso per le chiamate in ingresso, gli sms e alcuni social tra cui Twitter e Facebook. Purtroppo tramite la companion app non è possibile definire altre applicazioni. Il collegamento bluetooth invece mi è apparso solido e difficilmente la connessione è stata persa. Probabilmente per preservare la batteria, l’antenna bluetooth sfrutta poca potenza per cui il segnale viene perso poco prima dei classici 10 mt.

            F68 Sport watch

            Sensore ottico cardio in lettura

            Solo in un caso si è reso necessario il riavvio della (scarna) companion app (vedete il badge sotto per scaricarla dal Play Store) per recuperare la connessione. Per cui mi sentirei di promuovere questa parte, ha manifestato davvero poche incertezze. Passiamo a parlare della batteria che (sorpresa) è davvero in grado di assicurare quanto dichiarato sulla scheda tecnica. Alla prima carica è rimasto acceso in maniera continuativa per 7 giorni totali, senza mai essere spento e per la maggior parte del tempo anche con il sensore cardio attivo nella modalità di rilevamento h24, per cui in lettura programmata. Autonomia direi ottima, in linea con quanto mi aspettavo. La vibrazione è molto potente.

            HPlus Watch
            Developer: HPlus
            Price: Free

            Conclusioni, F68 Sport Watch vale o no l’acquisto?

            Come sempre è difficile dare una risposta che sia valida per tutti e sul giudizio finale pesa la mancanza della retroilluminazione e la componente smart abbastanza povera. Ha però alcuni validi elementi che possono essere messi in evidenza, come la buona qualità costruttiva, la grande autonomia e le tante modalità di utilizzo in ambito fitness. Dobbiamo sempre tener bene a mente il suo costo, davvero basso e il fatto che viene fornito in una confezione di vendita curata (con un cinturino a sgancio rapido in più) e di un livello superiore rispetto agli smartwatch di produzione cinese che abbiamo avuto modo di provare anche negli ultimi mesi. Insomma, nonostante tutto mi sentirei di promuoverlo e consigliarlo a chi vuole indossare uno smartwatch senza troppo impegno e senza pensieri magari confidando sul fatto che qualche aggiornamento della app sarà rilasciato in futuro, al momento la componente software è abbastanza scarsa. Trovate in vendita F68 Sport Watch sullo store GearBest.com al prezzo di circa 28€ usando il codice sconto GBF68 (trovate il link in alto nella scheda di valutazione).

            Vota questo post
            F68 Sport Watch, la recensione ultima modifica: 2015-12-15T11:44:34+00:00 da Stefano Ratto

            10 Responses to F68 Sport Watch, la recensione

            1. albet thoreau scrive:

              hai modo di effettuare un test comparativo del sensore cardio per capire se lavora a sufficienza o se invece è inutile? vedi no1 D3 dove mostra sempre stesso valore o xiaomi 1S dove anche li va male http://www.tuttoandroid.net/recensioni/recensione-xiaomi-mi-band-1s-330623/

              • smartwatch_ita scrive:

                Si, questa sera farò il confronto con un apparato medico che rileva pulsazioni in tempo reale, così da verificare la correttezza o meno del sensore di F68. Poi vi riporto qui il risultato :-)

              • albet thoreau scrive:

                up

                • smartwatch_ita scrive:

                  Ciao, ho fatto la prova con un misuratore di pressione e mi è parso piuttosto preciso, la differenza poteva essere di 1/2 pulsazioni. Ho trovato poi questo video dove il confronto è fatto con un Fitbit che è piuttosto affidabile. Il risultato non è male e conferma quanto ho rilevato io, ti metto il link di seguito:

                  ciao

                  • albet thoreau scrive:

                    Grazie, appena posso me ne procuro uno per valutare come funziona su variazioni cardiache più ampie durante attività.vi farò sapere i risultati.

            2. perritos scrive:

              volevo sapere se è possibile collegare il cardiofrequenzimetro tramite bluetooth alle app degli smartphome e usarlo come se fosse una fascia cardio

            3. […] più attenti ricorderanno la recensione del precedente F68 SportWatch che appariva già interessante ma evidentemente mostrava alcune lacune. Tra tutte era privo della […]

            Lascia un commento

            Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

            Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -