Sony Smartwatch 4 vincerà la guerra dei display, ecco come.

JDI-03

Sony ha sempre fatto dell’innovazione la sua arma migliore. Fin dal suo primo modello Smartwatch ha saputo integrare soluzioni interessanti soprattutto a livello hardware e il futuro del prossimo Sony Smartwatch 4 è carico di promesse.

C’è un campo di battaglia sul quale i produttori ancora non si vogliono confrontare ed è quello dei display. Personalmente ritengo che sia ancora al momento uno degli elementi più deboli del sistema smartwatch in generale anche se abbiamo visto nel corso del tempo alternarsi soluzioni più o meno valide. Partiamo da chi al momento offre il pannello migliore in termini di visibilità, Pebble Time. Il suo e-paper a colori non teme confronti sotto la luce diretta del sole ma presenta molti limiti che ne impedirebbero l’utilizzo su un dispositivo diverso, un Android Wear per esempio. Il motivo è l’insufficiente profondità di colori (solo 8 Bit per 64 colori) e anche la velocità di refresh che ne impedirebbe l’uso con molte applicazioni.

L'attuale display Transflective di Sony Smartwatch 3 e il pannello JDI del Garmin a confronto

L’attuale display Transflective di Sony Smartwatch 3 e il pannello JDI del Garmin a confronto

Ottimi riscontri aveva ricevuto in passato il pannello Mirasol studiato da Qualcomm per il suo smartwatch Toq. Purtroppo non è stato mai preso in considerazione da nessun produttore di smartwatch, probabilmente per il costo eccessivo e, anche qui, per la profondità di colore insufficiente.

Leggi anche: Qualcomm Toq, la recensione

Il mercato oggi cosa offre? Soluzioni inadatte a mio modo di vedere, se escludiamo il pannello di tipo Transflective utilizzato su Moto360 Sport e appunto sul Sony Smartwatch 3, abbiamo praticamente ovunque display OLED o P-OLED, IPS e TFT. Tutte tecnologie ereditate dagli smartphone che permettono bassi costi di produzione (tantissimi impianti di produzione disponibili), ottime risoluzioni e profondità di colore adeguata. Ma anche tanti contro, oltre che pro. Soprattutto consumo della batteria eccessivo (vero tallone di Achille dei dispositivi indossabili) e scarsa (se non scarsissima) visibilità alla luce del sole.

JDI-01

Le cose adesso potrebbero cambiare radicalmente grazie a JDI (Japan Display Inc.), un’azienda giapponese in orbita Sony che monta già i suoi pannelli di tipo Color Reflective LCD con tecnologia Memory-in-pixel (MIP) sui dispositivi Garmin, con ottimi risultati. In ottica futura potranno essere utilizzati anche su Android Wear grazie a una profondità di colore adeguata (262.000 i colori disponibili) e a una risoluzione tale da poter supportare le app di Android (si parla adesso di 320×300 px  con diagonale da 1.34”). Se a tutto questo aggiungiamo anche un consumo ridottissimo della batteria abbiamo la quadratura del cerchio (Garmin dura circa 2 settimane sempre in always on).

Insomma, il prossimo e atteso Sony Smartwatch 4 oltre al nuovo Snapdragon 2100 Wear potrà vantare anche un pannello dalla tecnologia adeguata? Le premesse ci sono tutte e la capacità di innovare di Sony è sempre stata alta, vedremo se tutto questo saprà portare i risultati sperati.

Fonte: Google+ (Afonso Santos)

Sony Smartwatch 4 vincerà la guerra dei display, ecco come.
5 (100%) 1 vote
Sony Smartwatch 4 vincerà la guerra dei display, ecco come. ultima modifica: 2016-04-18T12:06:54+00:00 da Stefano Ratto

3 Responses to Sony Smartwatch 4 vincerà la guerra dei display, ecco come.

  1. Giulio scrive:

    Quando è prevista l’ uscita dello smartwoch sony4?

  2. Afonso Santos scrive:

    Thank you for using my image without permission nor even refering the source.
    The word contents are also basicaly a translation of what I stated here
    https://plus.google.com/+AfonsoSantos/posts/P5CvNKmXWzG

    Good for your readers to know where you get your “inspiration” for your articles.

    • Stefano Ratto scrive:

      Hi Afonso,
      about the image you are quite right, I added the source immediately. About the content of the article I was inspired by what you wrote but I did not copy a single line. Sorry for the failure to mention, I just forgot.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -