Zeblaze MiniWear, la recensione

Zeblaze MiniWear Smartwatch

Zeblaze MiniWear

35
Zeblaze MiniWear
8.2

Materiali e costruzione

9/10

    Display

    8/10

      Batteria

      8/10

        SO e companion app

        8/10

          Rapporto qualità/prezzo

          9/10

            Cosa mi piace

            • Costruzione e materiali
            • Vestibilità
            • Tante funzioni
            • Resa audio in chiamata

            Cosa non mi piace

            • Mancanza companion app

            Zeblaze si vuole ritagliare la sua fetta di mercato e per farlo punta sulla qualità. Il piccolo MiniWear, versione ridotta del già conosciuto Cosmo, non delude le aspettative ma anzi si rivela uno dei migliori smartwatch testati nell’ultimo periodo. Conosciamolo meglio.

            Zeblaze MiniWear innanzitutto è davvero piccolo e leggero, esattamente come recita il suo nome. Adatto a qualsiasi polso ribalta un po’ quanto visto recentemente con Aiwatch G3. Sorprende davvero per le dimensioni minimali e anche il display IPS da 1.21” nonostante la diagonale ridotta  mantiene una risoluzione di 240*240 px ed è sempre molto leggibile, con una discreta gamma per dosare la luminosità. Peccato manchi ancora su questo tipo di indossabili un bel sensore luce che provveda da solo a tarare il display.

            Zeblaze MiniWear Smartwatch

            A livello hardware troviamo una cassa in metallo dalla forma classica con la parte superiore in vetro, leggermene curvo, che la ricopre quasi interamente. Il retro, in plastica, ospita i contatti per la ricarica e il sensore ottico cardio. La basetta di ricarica si aggancia molto bene al fondo, obbligata dagli appositi agganci e tenuta ben ferma dai magneti. Il cinturino fornito è in simil pelle, molto morbido e ben realizzato, comunque intercambiabile (da 20 mm.). Completa il quadro un unico pulsante fisico sulla destra, per accensione e spegnimento e per tornare alla vista orologio.

            Zeblaze MiniWear Smartwatch

            MiniWear è uno smartwatch puro e non ha (fortunatamente) slot per sim card o microSd per espandere la memoria, adotta il classico e ormai conosciuto OS proprietario anche se evidentemente Zeblaze ci ha messo del suo per smussare alcuni spigoli. Appare infatti meglio realizzato di quanto visto su altri  dispositivi della stessa tipologia, segno che il produttore ha dedicato al sistema un po’ più di attenzione. Troviamo la stessa ricca carrellata di applicazioni che vanno dal contapassi, all’avviso per sedentarietà, all’anti lost e alla comoda funzione Siri che consente di attivare l’assistente vocale sullo smartphone (nel caso di Android si tratta di Google Now). In realtà tutto funziona bene, senza errori o inceppamenti.

            Come ben sapete questa tipologia di smartwatch consente di gestire l’audio delle chiamate vocali in arrivo e in uscita dallo smartphone. E’ prevista la sincronizzazione dei contatti in rubrica e del registro chiamate, il tutto viene eseguito in tempi rapidi. La resa audio è abbastanza sorprendente tenendo conto delle dimensioni davvero ridotte di Zeblaze MiniWear, per sostenere una conversazione non è necessario essere in un ambiente completamente silenzioso, anche alla guida sono riuscito a gestire una chiamata con successo.

            Le watchface disponibili sono cinque, realizzate appositamente per Cosmo e MiniWear. Hanno logicamente una grafica molto classica, riproducono quadranti analogici per ricalcare lo spirito di questi due smartwatch e potrebbero piacere molto agli amanti dell’old style. In realtà non mi sono dispiaciute e si sposano bene con il contesto, anche questo lo ritengo un segno di attenzione da parte del produttore.

            Zeblase MiniWear, le conclusioni

            Non vi nascondo che il piccolo Zeblaze MiniWear mi è piaciuto molto. Si indossa con disinvoltura, è leggero e comodo grazie al suo morbido bracciale in simil pelle (con tanto di vere cuciture a vista), ben assemblato e con un bel vetro curvo che copre interamente la parte superiore. Si comporta bene, permette di sostenere chiamate vocali a mani libere e tutte le funzionalità software presenti nel sistema funzionano a dovere. Peccato per la storica mancanza di una companion app ufficiale, sarete costretti a usare la classica Mediatek SmartDevice abbinata a Fundo per i dati fitness, ma almeno questa scelta ci permette di gestire tutte le notifiche dalle nostre app e avere una buona affidabilità come connessione. Mi sento di promuoverlo senza indugio, anche considerato il prezzo alla vendita, davvero invitante.

            Zeblaze MiniWear Smartwatch

            Trovate valutazione e link per l’acquisto nella scheda a inizio articolo.

            Mediatek SmartDevice
            Developer: MediaTek Inc
            Price: Free

            Fundo Wear

            Zeblaze MiniWear, la recensione
            5 (100%) 1 vote
            Zeblaze MiniWear, la recensione ultima modifica: 2016-05-11T12:23:58+00:00 da Stefano Ratto

            5 Responses to Zeblaze MiniWear, la recensione

            1. Sara scrive:

              Durata batteria? soliti due/tre giorni, giusto?
              Comunque mi sembra molto valido questo “piccolino”!

            2. Stefano Ratto scrive:

              Direi due giorni, la batteria è logicamente molto piccola e dipende che uso ne facciamo come microfono (l’autonomia scende se lo usiamo per telefonare). Comunque confermo che mi è piaciuto molto, ben realizzato e davvero comodo da indossare.

              • Cristiano scrive:

                Ciao, ho comprato a luglio il miniwear e mi piace veramente tanto. una pecca che riscontro è nella batteria: dopo un mese di funzionamento (durata 1 giorno), si è ridotto a max 4 ore anche senza nessuna funzionalità attivata. Sono in contatto con la zeblase ma mi sembra di capire che la batteria non è in garanzia. Hai qualche informazione in merito?
                grazie

            3. Garcia ivania scrive:

              Salve! ;e unisex. …lo possiamo indossare anche noi donne! ?

            Lascia un commento

            Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

            Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -