SGNL, su KickStarter la meravigliosa parte mancante di ogni smartwatch

sgnl-kickstarter-03

Il successo incredibile della sua campagna KickStarter, appena iniziata, qualcosa vorrà dire. Sgnl è la parte mancante di qualsiasi smartwatch e forse la migliore intuizione dell’ultimo anno. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

SGNL

Il nome è praticamente impronunciabile, ammettiamolo. Ma quello che promette di fare è davvero incredibile e i primi test sembra che possano confermare queste sue incredibili capacità, ma esattamente cos’è e a cosa serve? E’ un bracciale dai contenuti tecnologici davvero notevoli, può essere utilizzato con qualsiasi dispositivo indossabile a patto di poter cambiare l’originale cinturino (ma quasi tutti lo permettono), ideale logicamente abbinato a Pebble, Apple Watch o qualsiasi tipo di Android Wear.

Sgnl è dotato di bluetooth 4.0 BLE e di una companion app che consente di gestirlo e come interfaccia fisica prevede un pulsante per rispondere alle chiamate. Si, perché il suo scopo è quello di permettervi di sostenere una chiamata in tutta tranquillità, escludendo i rumori di fondo e logicamente  in maniera completamente privata. Per farlo, pensate un po’, vi basterà avvicinare il dito indice all’orecchio per udire la conversazione in maniera cristallina, senza alcun disturbo.

SGNL

 

Il suo segreto risiede nella parte del bracciale che è a contatto con il corpo ed è in grado di emettere una vibrazione che viene poi interpretata come suono. Questo dispositivo si chiama BCU (Body Conduction Unity) ed è un’unità di attuazione che genera una vibrazione a bassissimo consumo che si tramuta in audio (grazie a un algoritmo) quando avvicineremo il dito all’orecchio. Davvero entusiasmante! La campagna KickStarter che è partita solo due giorni fa ha già raggiunto la ragguardevole cifra di 200.000$ e cresce a un ritmo davvero notevole, un premio dovuto per un prodotto fortemente innovativo e molto interessante.

SGNL, su KickStarter la meravigliosa parte mancante di ogni smartwatch
3.5 (70%) 2 votes
SGNL, su KickStarter la meravigliosa parte mancante di ogni smartwatch ultima modifica: 2016-09-02T16:56:20+00:00 da Stefano Ratto

4 Responses to SGNL, su KickStarter la meravigliosa parte mancante di ogni smartwatch

  1. Stefano scrive:

    Io non sono d’accordo. Avvicinare una mano all’orecchio è come farlo con lo smartphone. La mano non resta libera.
    Certo non si ha all’orecchio un oggetto che produce radiazione ma non ne trovo l’utilità. Sono svariati anni che uso sony mw600, un auricolare bluetooth con cuffia che abbiato al pebble mi permettono di rispondere in modo veloce e di avere sempre le mani libere se sono alla guida o in ufficio. E senza avere nessun onda elettromagnetica vicino l’orecchio e cervello.
    Questo il mio punto di vista pratico.
    Ciao e complimenti per il blog

    • Stefano Ratto scrive:

      Grazie innanzitutto :-)
      In parte non posso che darti ragione, dato che dalla mano stessa si produce il suono logicamente e inevitabilmente risulterà occupata. Meno comodità rispetto a un classico auricolare bluetooth che anche io, come te, uso da sempre accoppiato al mio Pebble (nel mio caso è uno Motorola Hint+).
      Quello che mi entusiasma di questo oggetto è proprio l’innovativo sistema di trasmissione del suono, questa è senz’altro la sua particolarità. E poi che diventa parte integrante dello smartwatch sostituendone il cinturino.
      Spero di poterlo provare a Febbraio :-)

  2. Dario scrive:

    Speriamo non finisca come quello smartwatch che prometteva di telefonare tenendo la mano a conchiglia sull’orecchio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tutti i diritti riservati - www.thelongrun.it -